Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Guida francese morta a Courmayeur, 'aveva un cuore d'oro'

Guida francese morta a Courmayeur, 'aveva un cuore d'oro'

A Chamonix amici e i colleghi piangono Yan Raulet

AOSTA, 27 febbraio 2024, 10:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Era veramente generoso, un'anima buona, un cuore d'oro. Che perdita enorme". Sui social amici e colleghi piangono la guida alpina Yan Raulet, il sessantenne francese morto ieri a Courmayeur (Aosta) in un incidente con gli sci in fuoripista. Residente a Chamonix (Francia), è precipitato da un salto di roccia per circa 20 metri dopo essersi staccato dal gruppo che guidava per andare a verificare un percorso. I quattro clienti che lo aspettavano, non vedendolo tornare, hanno dato l'allarme. Non sono serviti i tentativi di rianimazione, durati circa un'ora, da parte del medico dell'equipaggio del Soccorso alpino valdostano. L'incidente si è verificato in una zona in fuoripista non vietata agli sciatori, tra gli impianti di risalita Zerotta e Peindeint. Gli accertamenti sono affidati alla polizia di Stato.
    Raulet era una guida alpina indipendente, non iscritta ad associazioni, ed era conosciuto anche in Valle d'Aosta, in particolare ai piedi del Monte Bianco, dove spesso portava i suoi clienti. Lascia la moglie e una figlia. "Spirito libero", grazie al "tuo piccolo sito web fatto in casa che avevi realizzato e gestito da autodidatta e che ancora fa innervosire i grandi nomi locali nei risultati di ricerca" online, "mi davi lavoro ogni inverno - scrive sui social una persona amica, oltre che collega - e molto spesso non ricevevi alcuna commissione".
    Ma "chiedevi solo di tanto in tanto qualche buona bottiglia di questo buon vino, che amavi forse almeno quanto lo sci e i passi alpini o pirenaici. Ti sei giustificato rallegrandoti di partecipare così allo 'sforzo rivoluzionario".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza