Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Filosofo Caffo si difende, 'mai alzato le mani sulla mia ex'

Filosofo Caffo si difende, 'mai alzato le mani sulla mia ex'

Interrogato in aula nega accuse: 'Forse le avrò dato una spinta'

MILANO, 27 febbraio 2024, 19:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Io non l'ho mai aggredita. Ci sono state due o tre volte in cui mi è capitato di allontanarla fisicamente perché spesso succedeva che esplodesse o venendomi contro o schiaffeggiandomi o lanciandomi oggetti, bicchieri. Non sono contento di queste cose. Mi è capitato di darle una spinta, ma di usare le mani proprio no". Si è difeso davanti al Tribunale negando ogni accusa il filosofo Leonardo Caffo, sotto processo a Milano per maltrattamenti aggravati e lesioni nei confronti della sua ex compagna.
    Il 35enne, interrogato in aula dall'avvocato Filippo Corbetta, che lo difende assieme alla collega Romana Perin, ha dato una versione molto diversa degli episodi al centro della denuncia presentata dalla sua ex e da lei ricordati durante la deposizione. Episodi riportati anche nella misura cautelare dell'allontanamento e del divieto di avvicinamento a cui è sottoposto dall'agosto 2022 e di cui oggi l'interessato ha dato una lettura differente.
    "È stata una relazione piena d'amore ma condita da molti problemi - ha affermato - La quotidianità era buona ma poi litigavamo. C'erano discussioni su tutto, insulti reciproci, screzi di ogni tipo. Ci mandavamo reciprocamente a quel paese ma la prassi non era la degenerazione".
    Insulti "reciproci" anche con espressioni come, ha spiegato davanti al collegio della quinta sezione penale presieduto da Alessandra Clemente, "buttati dal balcone" o "ti dovrebbero ammazzare" oppure "ma che sei pazza?". Frasi che Caffo ha minimizzato rispetto al significato attribuito dal pm Francesca Gentilini, dal gip Ileana Ramundo che ha firmato il provvedimento cautelare.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza