Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Crac As Bari, due assoluzioni e 4 rinvii a giudizio

Crac As Bari, due assoluzioni e 4 rinvii a giudizio

Disposti proscioglimenti per alcuni capi di imputazione

BARI, 01 dicembre 2023, 20:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A quasi dieci anni dai fatti tornano nelle aule del Tribunale di Bari le vicende del fallimento dell'As Bari calcio del 2014 con due assoluzioni e quattro rinvii a giudizio. Il gup Giuseppe Ronzino ha assolto "per non aver commesso il fatto" il 61enne ex parlamentare Salvatore Matarrese e l'imprenditore Domenico De Bartolomeo, rispettivamente consiglieri della società dal 2002 al 2011 (il primo) e dal 2008 al 2011 (il secondo). I due, insieme ad altri ex dirigenti, erano accusati di bancarotta fraudolenta e avevano scelto di essere giudicati con rito abbreviato. La stessa Procura di Bari, a marzo, ne aveva chiesto l'assoluzione.
    Prosciolto dalle accuse più gravi di bancarotta fraudolenta per non aver commesso il fatto e rinviato a giudizio per un unico capo di imputazione, Antonio Matarrese (vicepresidente vicario del cda dal luglio 2010 al giugno 2011, nonché ex parlamentare, ex presidente della Lega Calcio ed ex vicepresidente di Fifa e Uefa). Prosciolti anche da alcune delle accuse di bancarotta fraudolenta l'ex amministratore unico Claudio Garzelli, il suo successore Francesco Vinella e l'ex amministratore delegato e consigliere del cda Salvatore Matarrese (66 anni, cugino e omonimo dell'ex parlamentare).
    Sono stati invece rinviati a giudizio per altre delle ipotesi di bancarotta fraudolenta Vinella, Garzelli e il 66enne Salvatore Matarrese. A Vinella è contestato anche l'aver distratto il patrimonio societario attraverso la risoluzione del contratto tra la As Bari e la Servizi sportivi srl, che prevedeva (in favore del Bari) il pagamento di un canone annuo di un milione di euro. Antonio Matarrese è stato rinviato a giudizio solo per aver "formato il contratto di risoluzione" con la Servizi sportivi.
    Le accuse riguardano la gestione della società sportiva tra il 2009 e il 2014 quando, secondo le indagini, sarebbero stati accumulati debiti tributari per mancati versamenti al fisco per quasi 55 milioni di euro e, malgrado ciò , sarebbero state anche compiute operazioni che hanno depauperato il patrimonio della società aggravando la situazione di dissesto fino al fallimento.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza