/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Superstite naufragio in Libia, così mi sono salvato

Superstite naufragio in Libia, così mi sono salvato

Aggrappato a barca,'fate sapere alla mia famiglia che sono vivo'

RAGUSA, 13 marzo 2023, 22:36

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Fate sapere alla mia famiglia che sono vivo, che sono riuscito a salvarmi. Io ce l'ho fatta, mentre tanti altri miei compagni di viaggio sono annegati davanti ai miei occhi...". Siful, 33 anni, il più grande di tre fratelli, viene dal Bangladesh. E' uno dei 17 sopravvissuti nel naufragio avvenuto ieri davanti alle coste libiche. L'ennesima tragedia del mare "annunciata" da una segnalazione di Alarm Phone e che sta innescando nuove polemiche dopo la tragedia di Cutro. Siful è sbarcato questa sera a Pozzallo, dopo essere stato soccorso dal mercantile "Froland". Ha una frattura alla gamba destra che si è procurato nel tentativo di arrampicarsi sulla barca che si era ribaltata e per questo motivo è stato trasferito all'ospedale "Maggiore-Baglieri" di Modica. Trema ancora al ricordo e mantiene lo sguardo basso mentre continua a raccontare. Il dolore e l'orrore li affida alla carta, scrivendo di pugno il suo nome, disegnando le scene del naufragio e ricostruendo quanto è accaduto. "Eravamo in 47, tutti uomini, su una vecchia barca di 8 metri che non poteva ospitare tutti" dice trattenendo a stento le lacrime e confermando che all'appello mancano ancora trenta dispersi.
    "Dopo qualche ora che ci siamo allontanati dalle coste libiche - prosegue - il mare era sempre più agitato. Alcuni volevano ritornare indietro. Eravamo stipati uno addosso all'altro, faceva molto freddo e le onde mi facevano venire la nausea. Il freddo era insopportabile. Quando i trafficanti ci hanno fatto salire avevano detto che a bordo ci sarebbero stati acqua e cibo, ma non era vero".
    A un certo punto la barca si ribalta a causa della furia delle mare: "Tutti urlavano e chiedevano aiuto, io mi sono aggrappato al relitto con la forza della disperazione, ma molti non sapevamo nuotare e li ho visti scomparire tra le onde.
    Cercavamo di incoraggiarci, qualcuno verrà a salvarci, abbiamo dato l'allarme per telefono. Poi è arrivata la nave".
    Ma Siful rivela anche che il viaggio era stato pianificato da tempo: "Dal Bangladesh ho raggiunto la Libia in pochi giorni, al prezzo di mille dollari, raccolti in anni di lavoro e pagati al trafficante. Nel mio paese facevo il falegname per vivere, ma ho sempre sognato di arrivare in Italia. Adesso spero soltanto di potere riabbracciare la mia famiglia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza