Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Inaugurazione sinfonica Lirico Cagliari nel segno della qualità

Inaugurazione sinfonica Lirico Cagliari nel segno della qualità

Il norvegese Bjarte Engeset incanta con Grieg

CAGLIARI, 13 gennaio 2024, 16:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un'apertura di stagione con un capolavoro assoluto, Peer Gynt op. 23 di Edvard Grieg, e un felice debutto sul podio cagliaritano. Alla guida di orchestra e coro del Teatro Lirico, il norvegese Bjarte Engeset, considerato uno tra i più autorevoli specialisti della musica di Grieg, ha offerto ieri sera, al Lirico, una interessante lettura di "frammenti dalle musiche di scena per soli, coro e orchestra, per Peer Gynt" - l'omonimo poema drammatico di Henrik Ibsen, padre del dramma moderno - del grande compositore norvegese Edvard Grieg, al quale Ibsen chiese di comporre le musiche di scena. Engeset ha scavato ogni meandro della partitura offrendo un concerto di alto livello.
    Una serata dunque nel segno della qualità. In scaletta una selezione dei brani dell'opera, un'interpretazione originale per raccontare il dramma della formazione e della redenzione "dell'amabile perdigiorno che si perde in sogni a occhi aperti".
    Un viaggio in luoghi straordinari tra le valli della Norvegia, Sahara, Marocco. In un itinerario tra le immortali pagine, tra cui le celebri "il mattino", "La morte di Åse", spesso impiegate nei film, come anche "nella reggia del re della montagna", peraltro ripresa in chiave prog rock da Rick Wakeman, il tastierista degli Yes, nell'epico album "viaggio al centro della terra" ispirato all' opera di Jules Verne.
    Prima del concerto il teatro Lirico ha voluto ringraziare, con un messaggio, il soprano Gabrielle Philiponet che, nonostante una leggera indisposizione ha accettato ugualmente di cantare e si è fatta apprezzare per le sue qualità vocali. A fare da trait d'union ai diversi brani di Grieg la voce narrante dell'attore cagliaritano Simeone Latini. L'orchestra, in un'esecuzione di alto profilo, ha valorizzato il gesto del direttore, così come il coro - preparato dal maestro Giovanni Andreoli - protagonista in un emozionante finale a cappella.
    Questa sera si replica alle 19.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza