Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Online 'In su corru 'e sa furca', serie tv in lingua sarda

Online 'In su corru 'e sa furca', serie tv in lingua sarda

Regista Melis firma 1/a stagione con protagonisti della cultura

CAGLIARI, 27 dicembre 2023, 12:43

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

C'è in Sardegna un tzilleri con un piccolo palco che ospita musicisti, cantanti, produttori, dove si suona rock, elettronica, jazz, musica tradizionale. Si chiacchiera, ci si incontra, si parla di cultura, arte e poesia.
    Qui è ambientato "In su corru 'e sa furca", serie tv in dodici episodi in lingua sarda disponibile on line su Youtube e Vimeo.
    Prodotta da Karel con la regia di Davide Melis, scritta da Davide Melis insieme a Giacomo Casti e Diego Pani e realizzata sul bando Imprentas della Regione Sardegna, è una serie documentaria con inserti di fiction che fanno da collante ai dialoghi in sardo tra animatori e animatrici della cultura sarda: la sociologa Ester Cois, il musicista Francesco Medda, lo storico Omar Onnis, la scrittrice Rossana Copez, il poeta Nino Landis, il giornalista Francesco Abate, tra i nomi.
    Il proprietario del bar Su corru 'e sa furca, interpretato da Giacomo Casti, accoglie gli avventori e li guida in conversazioni dal tono leggero e informale su storia, attualità, arte, musica: la serie racconta dunque la società sarda attraverso il punto di vista dei suoi protagonisti e mostra un mondo estremamente variegato. A partire dalla sua stessa lingua, che pure nelle sue tante sfaccettature è capace di far dialogare le anime della Sardegna su temi diversissimi. Il film promuove il valore della conversazione e della comprensione reciproca, sottolineando quanto sia importante mantenere luoghi fisici in cui le persone possano condividere pensieri, arte e idee.
    "La struttura della serie segue più da vicino i canoni del cinema narrativo piuttosto che quelli del documentario - spiega il regista - Non vi sono interviste in camera né voci fuori campo ma dialoghi spontanei tipici dei discorsi da bar, con rapidi scambi di battute enfatizzati dal montaggio veloce. L'uso del sardo - chiarisce Melis - rappresenta un aspetto del linguaggio: troppo spesso confinata a lingua funzionale a esprimere contesti tradizionali o familiari, nella serie è utilizzato per discutere temi moderni e contemporanei come il cinema d'autore, la narrativa, la musica pop, il punk, il rock e il jazz; rappresenta un esperimento linguistico che apre a possibilità di distribuzione internazionale grazie al sempre maggiore interesse per lingue minoritarie nel mondo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza