Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Legge sul cinema bloccata, gli operatori chiedono nuovi bandi

Legge sul cinema bloccata, gli operatori chiedono nuovi bandi

Sit-in all'assessorato Cultura. 'Settore vivo, servono sostegni'

CAGLIARI, 22 dicembre 2023, 12:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La legge sul cinema in Sardegna è bloccata da tre anni e i nuovi bandi per sostenere le produzioni di cortometraggi e lungometraggi e lo sviluppo di sceneggiature non vengono pubblicati dal 2021. Lo denunciano gli operatori del settore che questa mattina hanno organizzato un sit-in di protesta davanti all'assessorato regionale della Cultura a Cagliari. "L'impasse è dovuta al fatto che da qualche anno l'assessorato ha deciso di assegnare i contributi annuali scorrendo le vecchie graduatorie e non attraverso un nuovo bando come prevede la legge regionale 15 del 2006", spiegano i portavoce dei lavoratori Marco Antonio Pani, Paolo Zucca, Enrico Pau e Tore Cubeddu.
    "Il cinema sardo è sempre più apprezzato. I nostri film solo quest'anno sono stati presenti e premiati in tutti i più importanti festival internazionali - sottolineano registi e produttori -, c'è una vitalità enorme nel settore che arriva anche dai giovani che si sono avvicinati a questo lavoro. Eppure la politica continua a non dare risposte", spiegano.
    Sono oltre 500 gli addetti che ruotano nel mondo cinematografico sardo: attori, registi, sceneggiatori, produttori, maestranze, truccatori, sarti. "Invece di finanziare con cifre importanti le grandi produzioni che arrivano da fuori si dovrebbero sostenere quelle sarde", evidenziano. "Il cinema è una risorsa importante, è come se chiudesse una fabbrica con più di 500 operai, cosa succederebbe?", chiede Marco Antonio Pani.
    Gli operatori sollecitano l'assessorato affinché pubblichi immediatamente i bandi per il 2023, prima che la fine della legislatura dilati ulteriormente i tempi, e una programmazione triennale per le prossime procedure selettive.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza