Sardegna

"L'uomo del mercato" vince festival del corto in Toscana

Importante riconoscimento anche per regista Carlo Licheri

 "L'uomo del mercato", scritto e diretto da Paola Cireddu, col montaggio di Andrea Lotta, si è aggiudicato la sezione Opere Prime alla quinta edizione del Pop Corn Festival del Corto in Toscana, concorso internazionale di cortometraggi, diretto da Francesca Castriconi e organizzato dall'associazione culturale Argentario Art Day e dedicato a Raffaella Carrà.
    Il corto è stato prodotto da Bibigula di Maurizio Abis e dal Celcam dell'Università di Cagliari diretto da Antioco Floris.
    Il Festival ha proposto una ricca programmazione in tre serate di cinema all'aperto ad ingresso libero, nella Piazza di Porto Santo Stefano, di fronte al mare.
    Cortometraggi provenienti da tutto il mondo distinti in due categorie: Corti d'Autore, rivolto ai professionisti del settore e Opere Prime rivolti agli esordienti o a registi con più esperienza che realizzano il loro primo cortometraggio. Il tema universale che ha ispirato la competizione di quest'anno ė "Liberta, forme e colori dell'essere umani". Ventuno i cortometraggi in concorso selezionati tra i più di tremila iscritti provenienti da tutto il mondo.
    A scegliere il miglior cortometraggio nelle due categorie, una giuria di settore, presieduta dal regista Federico Moccia e formata da Manuela Roma di Rai Cinema, l'attrice Euridice Axen, il montatore cinematografico Marco Spoletini, il costumista coreografo Stefano Giovani, il giornalista e critico cinematografico Carlo Griseri, Michele Sabbia Pr &Press Office Celebrities, Michele Suma creatore e direttore del Sudestival.
    A L'uomo del mercato, Miglior cortometraggio della sezione Opere Prime la consegna del trofeo Pop Corn Festival da parte di Michele Suma, rappresentante della giuria, con la seguente motivazione: "Un altro capitolo del "ciclo dei vinti", con un finale di composto riscatto. Una grande prova attoriale, che riesce a rappresentare un eroe della sopravvivenza, della fatica quotidiana del lavoro e del lavoro faticoso della quotidianità. Un moderno Atlante mitologico, che regge il peso dell'ingiustizia del mondo e che porta su di sé il dolore sociale degli ingenui e dei perdenti. Nello sguardo del protagonista il finale di una vita che si riscatta e vince".
    Il premio al cortometraggio con l'idea più originale ė stato assegnato al regista nuorese Carlo Licheri, che ha vinto il "Premio Raffaella Carrà" con L’Ultima Habanera, vincitore di altri festival del settore. Licheri è stato premiato a Porto Santo Stefano da Sergio Japino. “Con il suo ombelico e con la sua risata, con la sua leggerezza e la sua profondità ci ha fatto compagnia emozionandoci e divertendoci. Così questo film, in un modo tutto suo ce l’ha ricordata, rievocata... Nel cortometraggio vediamo una cantante, i capelli biondi, e anche un musicista, Franco Pisano, che ce l’ha fatta amare ancora di più con il suo Tuca Tuca”: è la motivazione del riconoscimento a Licheri e al suo corto, che ha come protagonista una cantante donna, bionda, che annuncia la fine della Guerra mondiale su Radio Sardegna.

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie