Welfare: Sardegna 14/a per efficacia e capacità di risposta

Male per abbandono scolastico, bene asili nido e fondi sanità

Politiche sociali, sanità, previdenza e formazione. La Sardegna è quattordicesima in Italia per efficacia e capacità di risposta del sistema di welfare. Il dato emerge dalle classifiche del "Welfare Italia Index" - indicatore sintetico di misurazione delle performance dei territori in termini di politiche sociali, sanità, previdenza e formazione - realizzato da "Welfare, Italia", think tank nato su iniziativa di Unipol Gruppo in collaborazione con The European House - Ambrosetti.

In Sardegna sono sopra la media nazionale le risorse pubbliche destinate alla sanità (2.041 euro contro 1.979 nazionali), la spesa pro-capite in interventi e servizi sociali (quarta con 229 euro contro una media nazionale di 125), spesa pubblica per consumi finali per l'istruzione e la formazione (4,5 % del PIL regionale contro una media del 3,3%).

La Sardegna è terza e sopra la media per beneficiari del sussidio di disoccupazione Naspi e per le risorse a disposizione per il Reddito di cittadinanza (quinta posizione con 16,6 euro pro-capite contro 8,5 pro-capite nazionale). La Sardegna è però ultima per tasso di dispersione scolastica regionale (37% contro una media italiana del 18%), e penultima per tasso di partecipazione a forme pensionistiche complementari (22% contro un dato nazionale del 33%).

La disoccupazione in Sardegna inoltre è elevata, con un tasso del 14,7% sulla popolazione con più di 15 anni, quasi il doppio rispetto alla media italiana pari all'8,6%: un valore che la colloca al 17/a posto nella classifica specifica. La Sardegna si colloca sopra la media nazionale per i posti negli asili nido in rapporto alla popolazione 0-2 anni, 26 ogni 100 bambini, contro un valore nazionale di 25,8.
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA


      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere



      Modifica consenso Cookie