Responsabilità editoriale Obiettivo Europa

Sostegno a misure di informazione relative alla politica di coesione dell'UE

Ente promotore: Commissione Europea – Dg Regio | Scadenza: 11 gennaio 2022

L'agenda politica dell'Unione europea per i prossimi anni comprende decisioni di grande importanza per il futuro dell'UE. È importante che le future decisioni sulle priorità dell'UE tengano adeguatamente conto del contributo della politica di coesione alla realizzazione delle priorità dell'UE nonché del suo potenziale nel riavvicinare l'Unione ai suoi cittadini.

Questi non sono ancora sufficientemente consapevoli né dei risultati della politica di coesione né dell'impatto che ha sulla loro vita. Per consentire un dibattito informato sulle future priorità dell'UE e garantire maggiore trasparenza sulle modalità con cui vengono spesi i fondi dell'UE e sui risultati conseguiti, i cittadini dovrebbero avere una migliore conoscenza e consapevolezza degli investimenti nei loro paesi, nelle loro regioni e nelle loro città.

Nell'ambito dell'attuale quadro giuridico che disciplina l'attuazione dei fondi strutturali e di investimento dell'UE, il bando mira a fornire sostegno alla produzione e alla diffusione di informazioni e contenuti relativi alla politica di coesione dell'UE, nel rispetto della completa indipendenza editoriale dei soggetti coinvolti.

Attraverso il bando, la Commissione europea intende selezionare i potenziali beneficiari per l'attuazione di alcune misure di informazione cofinanziate dall'UE. L'obiettivo principale è fornire sostegno alla produzione e alla diffusione di informazioni e contenuti relativi alla politica di coesione dell'UE, tra cui il Fondo per una transizione giusta e il piano per la ripresa dell'Europa, nel rispetto della completa indipendenza editoriale dei soggetti coinvolti.

Dotazione finanziaria complessiva: € 7.000.000

Consulta la scheda completa del bando su Obiettivo Europa

Responsabilità editoriale di Obiettivo Europa.
Per leggere l'articolo completo, registrati su Obiettivo Europa, per attivare il periodo di consultazione gratuita per 15 giorni.