PNRR - Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

  1. ANSA.it
  2. ANSA PNRR
  3. Sanità
  4. Accordo di programma per Ospedale di comunità ad Aosta

Accordo di programma per Ospedale di comunità ad Aosta

Nei locali della casa di riposo JB Festaz

Redazione ANSA AOSTA

(ANSA) - AOSTA, 05 LUG - La Giunta regionale ha approvato lo schema di Accordo di Programma tra la Regione Autonoma Valle d'Aosta, l'Azienda pubblica di servizi alla persona Maison de repos J. B. Festaz e l'Usl della Valle d'Aosta per l'edificazione di un Ospedale di Comunità ad Aosta, con riferimento alle risorse previste dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr). L'Ospedale di Comunità (OdC), struttura territoriale extra ospedaliera, "rappresenta una modalità assistenziale di tipo intermedio" e - si legge nella delibera - "risponde alla necessità di affrontare nel modo più appropriato ed efficace quei problemi di salute, di solito risolvibili a domicilio ma che, in particolari pazienti, in condizioni di particolare fragilità sociale e sanitaria (pazienti molto anziani o soli, affetti da più malattie croniche che si scompensano facilmente, ecc.) richiedono di essere assistiti in un ambiente sanitario protetto".
    "L'ospedale dovrà assumere progressivamente nel tempo, e anche nel percepito comune, il ruolo di luogo di cura intensivo e acuto- prosegue la delibera - oltre che di interventistica programmata, ripensando a un più adeguato approccio ai bisogni dei pazienti fragili attraverso un servizio di cura quanto più possibile domiciliare, nel proprio ambiente famigliare e sociale; L'Ospedale di Comunità prevede ricoveri brevi di 15-20 giorni a pazienti che, a seguito di un episodio acuto o di una riacutizzazione di patologie croniche, necessitano di interventi sanitari a bassa intensità clinica, potenzialmente erogabili al domicilio ma che, per ragioni famigliari o strutturali, il medesimo non è valutato luogo idoneo. Necessitano di assistenza/sorveglianza sanitaria infermieristica continua anche notturna.
    "La pandemia da Sars Cov 2 ha portato alla luce - si legge ancora nella delibera - le difficoltà e le criticità del sistema sanitario regionale e , nell'ottica della trasformazione di ogni mancanza in una opportunità e in una linea di sviluppo futura, il Piano della Salute e del Benessere Sociale 2022-2025 individua come indispensabili e prioritari nel prossimo quinquennio: lo sviluppo di forme di assistenza alternative al ricovero ospedaliero, tra le quali l'individuazione di strutture sanitarie residenziali intermedie e di Ospedali di Comunità (OdC); il potenziamento e lo sviluppo delle cure primarie in una logica di rete, perché se non si rafforzano i servizi territoriali, anche il potenziamento delle dotazioni ospedaliere rischia di essere solo limitatamente funzionale; la definizione del progetto del nuovo ospedale regionale, finalizzato alla riunificazione in un'unica sede della assistenza per acuti, differenziando l'intero complesso in due edifici a diversa intensità di cura: uno dedicato ai reparti di degenza H24, al nuovo Pronto Soccorso, al comparto operatorio e alle Terapie Intensive, l'altro a minore intensità, con funzioni di diagnosi e cura diurne H12, a prevalente gestione infermieristica, e destinando la lungodegenza e la riabilitazione alla sede del Beauregard". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi anche: