PMI

  1. ANSA.it
  2. Pianeta Camere (di commercio)
  3. Camere Commercio: progetto Marche-Unicam, economia circolare

Camere Commercio: progetto Marche-Unicam, economia circolare

Mettere in circolo propri rifiuti semilavorati per svolta green

(ANSA) - CAMERINO, 10 FEB - "Metti in circolo uno scarto di lavorazione e avrai un rifiuto in meno": il nuovo progetto presentato oggi a Camerino, Centro ricerche dell'Unicam, vede protagonisti la stessa Università e la Camera di Commercio delle Marche. Sul portale www.ecocamere.it/progetti/marche le imprese disposte a rimettere in circolo i propri scarti di lavorazione si presentano nel mercato a potenziali partner: vale a dire, ad esempio, altre realtà d'impresa che possono avere interesse ad usare sottoprodotti altrui come propria materia di lavorazione.
    In questo modo, il primo imprenditore trova nel residuo di produzione una fonte di guadagno ed evita che diventi un rifiuto. Il secondo imprenditore, invece, trova sul mercato un materiale già lavorato ma ottimamente funzionale nel suo ciclo produttivo.
    Il progetto di Camera Marche e Unicam, realizzato con Ecocerved, prevede un'assistenza gratuita alle imprese per aiutarle a comprendere se e come poter reimmettere i propri residui di lavorazione in questo circuito virtuosi e inserirsi nel mercato virtuale della domanda e offerta di sottoprodotti.
    Le imprese attualmente iscritte nell'Elenco sottoprodotti, a livello nazionale, sono circa 1.100, tra produttori e utilizzatori: poco più di 40 hanno sede nelle Marche (circa 4% rispetto all'intera Italia). Nelle Marche il totale delle imprese è circa 145mila e le aziende dei settori Primario Manifatturiero Energia e Paesaggio (PRIMEP) superano le 44mila unità: la quasi totalità opera in agricoltura (56%) e manifatturiero (41%), seguite a grande distanza da paesaggio (2%) e energia (1%).
    "La transizione green è iniziata e l'Università di Camerino - ha commentato il Rettore, Claudio Pettinari - vuole mettere a disposizione delle piccole e medie imprese del territorio regionale tutte le competenze dei propri ricercatori e delle proprie ricercatrici nei settori dell'economia circolare, dei nuovi materiali innovativi, del riuso, della sostenibilità.
    Grazie all'accordo che firmiamo oggi con Camera Marche, - ha spiegato - e più in generale al progetto che abbiamo avviato per il quale ringrazio l'ente Camerale ed il suo Presidente Gino Sabatini, saremo pronti a fornire sostegno, servizi ed azioni mirate agli imprenditori che lo richiederanno per far mantenere alta la competitività dell'azienda".
    "Come Camera di Commercio - ha concluso il presidente di Camera Commercio delle Marche, Gino Sabatini -, da un lato dobbiamo favorire e sostenere la ripartenza del sistema economico regionale, soprattutto delle piccole imprese che sono state quelle che più hanno sofferto per la pandemia, dall'altro dobbiamo approfittare proprio di questo momento di reset per favorire una transizione verso un modello di economia circolare che permetta la riqualificazione dei settori e delle filiere produttive in un'ottica green". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Vai al sito: ANSA Professioni

Modifica consenso Cookie