Piemonte

Ultrà: pm 'Last Banner', strategia estorsiva contro la Juve

Processo a Torino contro esponenti tifo organizzato bianconero

(ANSA) - TORINO, 14 GIU - "Un processo pilota che fotografa le condotte degli ultras non soltanto a Torino ma in tanti altri stadi italiani". Ha cominciato così la sua requisitoria il pubblico ministero Chiara Maina in tribunale al processo last Banner su alcuni esponenti della tifoseria organizzata della Juventus accusati di aver esercitato pressioni estorsive sulla società per non perdere agevolazioni e benefici.
    "Si è trattato - ha detto - di una strategia per creare problemi, anche di ordine pubblico, concretizzata in una serie di iniziative che hanno portato la Juventus ad essere sanzionata". Gli ultras parlano soltanto di una normale forma di protesta non violenta (il cosiddetto 'sciopero dei cori') contro il caro biglietti. La stagione calcistica di riferimento è quella del 2018-19 L'intervento del pm proseguirà nel corso delle prossime udienze. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere



        Modifica consenso Cookie