Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Terremoto: decreto Pnrr bis, risorse per stabilizzare personale

Terremoto: decreto Pnrr bis, risorse per stabilizzare personale

2,5 milioni di euro per oltre 350 dipendenti pubblici

ANCONA, 27 febbraio 2024, 11:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Con il decreto legge "Pnrr bis" approvato ieri dal Consiglio dei Ministri viene disposto, tra l'altro un incremento di 2,5 milioni di euro per gli oneri derivanti dalla stabilizzazione di oltre 350 dipendenti pubblici che operano negli uffici per la ricostruzione relativa al sisma 2016 nei Comuni nelle Province e nelle Regioni coinvolte. "E' motivo di soddisfazione vedere confermata l'attenzione del Governo nei confronti del vasto territorio dell'Italia centrale ferito dal terremoto del 2016-2017" commenta il commissario straordinario alla Ricostruzione, senatore Guido Castelli.
    "Con la sollecitazione mia - continua Castelli - e dei governatori regionali il provvedimento varato consente di dare certezza al lavoro dei dipendenti pubblici che operano per la ricostruzione nell'area del cratere. Le risorse garantiranno la copertura di tutte le esigenze contrattuali dei dipendenti da stabilizzare e consentiranno il riparto tra tutte le amministrazioni di riferimento attraverso l'adozione di apposito Dpcm. La competenza e la dedizione di questi operatori si è rivelata preziosa per assicurare quel cambio di passo avvenuto lo scorso anno nei percorsi di ricostruzione e rigenerazione delle aree e delle comunità colpite dal sisma" aggiunge Castelli.
    "Si tratta di un totale di 359 dipendenti pubblici a tempo determinato, che un anno fa, con il Dl 3/2023 sono stati ammessi alla procedura e finalmente potranno vedere riconosciuto il proprio diritto". "La continuità amministrativa è stata garantita proprio da questa stabilizzazione del personale - conclude il commissario Castelli - che ha consentito di procedere senza interruzione negli iter amministrativi necessari agli atti di ricostruzione e rigenerazione dei territori del cratere. Si tratta di risorse essenziali per consentire la regolare prosecuzione delle attività del più grande cantiere d'Europa, con i suoi 8.000 chilometri quadrati di superficie che coinvolge 138 Comuni e 4 Regioni dell'Italia centrale, muovendo risorse complessive per circa 28 miliardi di euro".
    In conclusione, il commissario Castelli annuncia che "con le Regioni stiamo cercando di definire la modalità per consentire la stabilizzazione anche a quei dipendenti degli Usr che compiono il terzo anno di incarico a tempo determinato nel corso del 2024. Siamo fiduciosi di trovare una modalità che consenta di non rinunciare anche a queste preziose risorse professionali". Nel dettaglio il personale stabilizzato è così distribuito: 136 delle Regioni e 223 di Comuni e Province. Dal punto di vista territoriale, in Abruzzo ci sono 79 unità (54 in Comuni e Province, 25 in Regione), nel Lazio 42 (23 in Comuni e Province, 19 in Regione), nelle Marche 204 (114 in Comuni e Province, 90 in Regione) e in Umbria 34 (32 in Comuni e Province, 2 in Regione).
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza