Teatro, Piccolo occupato presenta sua riforma al Parlamento

Rampi, sfida è dare ordine al caos, lavoro non sia precario

(ANSA) - MILANO, 30 APR - "La grande sfida è dare ordine al caos, dare tutele a un lavoro che deve rimanere discontinuo ma non precario e questo è l'obiettivo": lo ha detto il relatore della VII Commissione Cultura del Senato Roberto Rampi, ricevendo la proposta di riforma del lavoro nello spettacolo del Parlamento Culturale Permanente, che si è insediato all'interno del Piccolo Teatro Aperto di Via Rovello a Milano.
    "Nelle parole ascoltate il 30 aprile ho ritrovato tanto della storia del Piccolo, che credeva nella cultura come trasformazione e conquista di diritti, che deve dare fastidio e disturbare, aprire territori nuovi", ha detto Rampi, spiegando che "il senato ha iniziato per la prima volta un lavoro congiunto di cultura e lavoro, ci siamo seduti insieme con tre proposte di legge depositate. E' un fatto che la priorità sia questa".
    All'incontro ha partecipato via zoom anche Nunzia Catalfo, relatrice dell'XI commissione lavoro del Senato: "Questo documento - ha annunciato - farà parte dei documenti che acquisiamo per intervenire sulla proposta che contiene le 3 proposte di legge, di cui 2 riguardano la materia lavoristica, sociale e previdenziale del settore". Solo nel confronto con le parti interessate, "riusciremo ad avere norme più giuste".
    "Non vogliamo che tutto torni come prima, deve essere meglio" ha detto l'attrice Ottavia Piccolo nel video con cui ha partecipato oggi alla consegna della proposta di riforma. "Aspettiamo una legge sul teatro da tanto tempo, c'è il sospetto - dice Piccolo - che ci stata fretta e che si voglia approvare qualcosa di non studiato mentre quanto successo al Piccolo in questo mese è stato un lunghissimo studio che ha portato a questo dossier che sarà presentato a deputati e deputate". (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA


        Vai al Canale: ANSA2030
        Vai alla rubrica: Pianeta Camere
        Camera di Commercio di Milano
        Camera di Commercio di Milano



        Modifica consenso Cookie