Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Una tenda alla 'sala dello stupro' in mostra Genova su Artemisia

Una tenda alla 'sala dello stupro' in mostra Genova su Artemisia

Polemiche femministe-curatori. Arthemisia, "è denuncia"

GENOVA, 12 febbraio 2024, 14:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La diatriba sulla sala di Palazzo Ducale di Genova all'interno della mostra 'Artemisia Gentileschi, coraggio e passione', sala che 'racconta' attraverso le parole del processo lo stupro subito dall'artista, è destinata a accendere gli animi: palazzo Ducale ha apposto una tenda nera che separa la sala immersiva dal resto della mostra.
    Tenda che potrebbe essere tolta oggi.
    Tutto è iniziato nelle settimane scorse quando sono partite le accuse dell'associazione Non una di meno e delle studentesse del corso in Beni culturali di UniGe hanno parlato di una impostazione 'sessista' e 'voyeuristica' della sala. In quella sala una voce narrante racconta, attraverso la testimonianza della stessa Artemisia Gentileschi, della violenza subita da Agostino Tassi. Dopo le polemiche ieri la sala è stata interdetta al pubblico (come raccontano i quotidiani locali), chiusa e poi riaperta con l'aggiunta di una tenda nera a sancire una sorta di separazione tra gli ambienti del percorso espositivo. In più è stato aggiunto un cartello di avviso.
    A prendere questa iniziativa è stato lo staff di palazzo Ducale che, secondo quanto appreso, non avrebbe concordato l'operazione con Arthemisia, la società di produzione della mostra. Inaugurata dall'ex sottosegretario Vittorio Sgarbi e promossa in tutta Italia, la mostra sta avendo un grandissimo successo ma proseguono le polemiche e la denuncia del mondo femminista': "Uno stupro di quattro secoli fa, ma di cui non si può accettare la spettacolarizzazione al centro di un allestimento che non c'entra nulla con la comprensione di un'artista, ma è voyeurismo, una micidiale operazione patriarcale" Da parte di Arthemisia si dà per scontato che già oggi si procederà con la rimozione detta tenda. "Non c'è alcuna spettacolarizzazione dello stupro - fanno sapere da Arthemisia all'ANSA, ribadendo un concetto già espresso sui social - , ma una denuncia intransigente della violenza sulle donne".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza