Lazio
  1. ANSA.it
  2. Lazio
  3. Pappano, Rossini geniale anche nella musica sacra

Pappano, Rossini geniale anche nella musica sacra

Maestro a S. Cecilia con la Messa di Gloria e altre celebri arie

(ANSA) - ROMA, 25 GEN - Gioachino Rossini geniale anche nella musica sacra, nella quale ha utilizzato schemi e passaggi tipici delle sue composizioni operistiche. Antonio Pappano descrive così la grandezza del compositore di Pesaro alla vigilia dei concerti con l'orchestra e il Coro di Santa Cecilia nei quali proporrà la Messa di Gloria e altre arie celebri da Semiramide, Otello e Armida. Un cast internazionale di spicco si esibirà all'Auditorium Parco della Musica nelle tre serate - il 27 gennaio alle 19:30, il 28 alle 20:30, il 29 alle 18 - con il soprano Eleonora Buratto, il contralto Teresa Iervolino, i tenori Lawrence Brownlee e Michael Spyrees e il basso Carlo Lepore. "La musica sacra - dice il maestro angloitaliano in una pausa delle prove - ha sempre seguito Rossini sin dall'inizio. I due pezzi che rappresentano il punto più alto della sua creatività, lo Stabat Mater e la Petite Messe Solennelle, furono scritti quando la sua carriera operistica era ormai finita. La Messa di Gloria, un Kyrie, fu composto nel 1820, nel suo periodo napoletano, periodo molto fertile, ha l'aria di una concertazione operistica ma non lo è". Rossini - sottolinea - "ha un suo modo di comunicare il sacro. Seduce il pubblico, reinterpreta e prende in prestito dalle sue composizioni operistiche precedenti gli stessi gesti musicali che nell'ambiente sacro diventano sacri. Ci vuol genio per rendere nel modo giusto una situazione nuova. In lui non noto la paura del giudizio ma il coraggio nel comunicare con Dio, celebrandone la potenza e l'onnipotenza''. Oggi il valore del grande compositore - secondo il direttore d'orchestra - è legato "al ritorno a una musica basic, netta e non troppo complicata. Il pubblico ama vedere un virtuoso mostrare la sua arte.
    Specialmente ora abbiamo bisogno di ridere, di sperare e dimenticare quello che abbiamo passato in questi due anni. Siamo tutti mentalmente un po' deboli, dobbiamo stare attenti a non entrare in uno stato di depressione". (ANSA).
   

      RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

      Video ANSA



      Vai al Canale: ANSA2030
      Vai alla rubrica: Pianeta Camere
      Muoversi a Roma



      Modifica consenso Cookie