Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

McIlroy, Molinari e Fleetwood: a Dubai è sfida show

Prima Rolex Series, in campo anche sei azzurri. C'è Manassero

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 16 GEN - E' uno dei tornei più attesi del DP World Tour 2024. Primo, di cinque eventi stagionali delle Rolex Series, l'Hero Dubai Desert Classic promette spettacolo. Dal 18 al 21 gennaio negli Emirati Arabi Uniti, all'Emirates Golf Club di Dubai, in palio un montepremi di 9.000.000 dollari (1.530.000 la prima moneta). A difendere il titolo, e a inseguire il record di quattro successi nella competizione, sarà Rory McIlroy. Il numero 2 mondiale, dopo aver perso sull'ultima buca il Dubai Invitational conquistato al fotofinish da Tommy Fleetwood, è il grande favorito della vigilia. Proprio l'inglese Fleetwood, insieme al suo connazionale Tyrrell Hatton e al danese Nicolai Hojgaard, sarà tra i principali avversari da battere. Saranno quindi quattro i giocatori del team Europe che, lo scorso ottobre a Roma, hanno contribuito all'exploit del Vecchio Continente nella Ryder Cup di Roma. Nel field, spazio pure a due big americani come Brian Harman, vincitore del The Open 2023, e Cameron Young, rispettivamente terzo e secondo nel 2022 al PGA Championship e al The Open.
    Occasione importante anche per gli azzurri. Francesco Molinari, reduce dal quinto posto (miglior risultato degli ultimi 12 mesi) nel Dubai Invitational, guiderà la spedizione italiana negli Emirati Arabi Uniti. Con lui ci sarà inoltre il fratello Edoardo. E ancora: Guido Migliozzi (13/o la scorsa settimana), Matteo Manassero, Lorenzo Scalise e Andrea Pavan. Saranno dunque sei gli azzurri in campo, in una rassegna vinta in passato, tra gli altri, da campionissimi come Tiger Woods (2006 e 2008) e Sebastiano Ballesteros (1992).
    Il primato di affermazioni (tre) nell'evento, arrivato alla 35esima edizione, è condiviso da McIlroy (2009, 2015 e 2023) e dal sudafricano Ernie Els (1994, 2002 e 2005).
    Pronostico aperto a Dubai, dove inseguiranno l'impresa anche il polacco Adrian Meronk, il danese Rasmus Hojgaard, i tedeschi Yannik Paul e Marcel Siem, l'inglese Dan Bradbury (che nel 2023 ha fatto registrare il round più basso, 63, del torneo), il neozelandese Ryan Fox, il cileno Joaquin Niemann, il sudafricano Thriston Lawrence (runner up come McIlroy la scorsa settimana a Dubai) e l'australiano Adam Scott. Proprio quest'ultimo, giocherà i primi due giri con McIlroy e Nicolai Hojgaard. Tra i partecipanti anche l'inglese Luke Donald, capitano del team Europe alla Ryder Cup italiana confermato poi per la sfida agli Usa nel 2025 a Bethpage (New York). (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA