Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Dp Tour, punteggio horror per amico di Michael Jordan

53 colpi sopra par per Weyand, direttore circolo ex stella NBA

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 15 GEN - E' il direttore del Grove XXIII, esclusivo circolo di golf di Michael Jordan in America, a Hobe Sound. Ma ora Ken Weyand si è fatto conoscere anche per aver realizzato uno dei punteggi più alti in un torneo professionistico, il Dubai Invitational del DP World Tour. Il 54enne statunitense è entrato nel field proprio grazie a Jordan il quale ha ceduto lui il suo posto perché impossibilitato a giocare. Il risultato? A dir poco deludente. Weyand ha chiuso l'evento al 60/o e ultimo posto con uno score di 337 (87 82 82 86, +53) colpi, 39 in più del penultimo classificato, lo svedese Jans Dantorp, 59/o con 298 (+14). In 72 buche, ha realizzato solamente due birdie. La decisione dell'organizzazione, di conceder lui uno dei due inviti a disposizione degli sponsor (l'altro è stato dato al danese Thomas Bjorn, capitano del team Europe alla Ryder Cup 2018 di Parigi), non è piaciuta a diversi interpreti del DP World Tour. "Tutto questo non dovrebbe accadere", la critica rivolta al circuito dall'inglese Eddie Pepperell. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA