Open day, swing e sorrisi nella casa Ryder Cup 2023

Al 'Marco Simone' giornata di festa. A Pro-Am anche Incocciati

Redazione ANSA ROMA

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - I primi swing di alcuni bambini nella casa della Ryder Cup 2023. E poi la Pro-Am vinta - con un totale di "-22" - dal team capitanato dal professionista Edoardo Raffaele Lipparelli, per una sfida all'insegna anche dell'inclusione sociale. Giornata di sport e sorrisi al Marco Simone Golf & Country Club di Guidonia Montecelio (Roma), dove è andato in scena il secondo evento del 2021 della "Road to Rome 2023", la marcia di avvicinamento verso la sfida tra Europa e Usa che tra meno di due anni si giocherà, per la prima volta nella sua storia, in Italia.
    All'Open day organizzato dalla Federgolf non è mancato lo spettacolo nel circolo della famiglia Biagiotti, dove protagoniste sono state le famiglie che hanno colorato di entusiasmo e passione una giornata davvero "green". Che è andata in scena alla presenza, tra gli altri, di Gian Paolo Montali, direttore generale del progetto Ryder Cup 2023.
    Mentre tra i concorrenti della Pro-Am c'era pure Giuseppe Incocciati, grande appassionato di golf. I primi swing l'ex calciatore, tra le altre, di Milan, Atalanta e Napoli li ha fatti negli anni '80 al fianco di Marco Van Basten e Daniele Massaro. Per un amore che non s'è mai fermato e che va avanti, ancora oggi. Ma al Marco Simone Gof & Country Club lo spettacolo è stato doppio e per tutti. Alla Pro-Am ha partecipato anche un team di golfisti diversamente abili guidato da Tommaso Perrino, primo paralimpico ad aver giocato, nel 2020, l'Open d'Italia (esperienza ripetuta anche lo scorso settembre proprio nella casa della Ryder Cup 2023). (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA