Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Procaccini, 'bene governo contro nuovo regolamento Ue su pesca'

Procaccini, 'bene governo contro nuovo regolamento Ue su pesca'

'Ricorso per evitare gravi danni al settore'

BRUXELLES, 19 febbraio 2024, 19:57

Redazione ANSA

ANSACheck

"Accogliamo con favore la decisione da parte del governo italiano di fare ricorso alla Corte di giustizia europea contro il 'Regolamento controlli' del settore pesca, che ci ha sempre trovati totalmente contrari durante tutto l'iter legislativo al Parlamento Europeo". E' quanto dichiara in una nota il copresidente del gruppo Ecr al Parlamento europeo, Nicola Procaccini di Fratelli d'Italia.
    "Le parole del ministro Lollobrigida dimostrano la totale sinergia tra l'azione di governo e le priorità della nostra delegazione su questa importante tematica - sottolinea Procaccini -. La volontà di imporre ulteriori obblighi, questa volta non solamente amministrativi, come l'installazione di telecamere a circuito chiuso, il registro elettronico delle catture o i sistemi di monitoraggio satellitare per i pescherecci, ad un settore già penalizzato da una regolamentazione eccessiva non è la strada da seguire. Così si impongono forti limitazioni al settore della pesca, con conseguenti gravi danni economici e sociali per l'intero settore in Italia, e si apre la strada all'arrivo di pesce da altri mari, pescato da imbarcazioni che non devono sottostare ad alcun divieto".
    "E' un altro esempio degli eccessi che la politica green dell'Europa sta provocando in nome di una ideologia senza equilibrio. Anche i pescatori, come accade per agricoltori e allevatori, vengono additati dall'ideologia green e dai burocrati di Bruxelles come nemici dell'ambiente, senza tener conto delle esigenze di chi da generazioni vive e conosce bene l'ambiente marino", conclude l'eurodeputato di Fratelli d'Italia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.