Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

I lobbisti di Amazon sono esclusi dal Parlamento europeo

I lobbisti di Amazon sono esclusi dal Parlamento europeo

Dopo il mancato confronto sulle condizioni di lavoro del gruppo

27 febbraio 2024, 19:48

Redazione ANSA

ANSACheck

I lobbisti di Amazon sono esclusi dal Parlamento europeo © ANSA/EPA

BRUXELLES, 27 FEB - I lobbisti di Amazon non possono più entrare al Parlamento europeo. Lo ha deciso l'Eurocamera, riferisce l'agenzia Belga, su richiesta dei parlamentari della commissione per l'Occupazione e gli affari sociali (Empl), dopo i ripetuti rifiuti del colosso high-tech americano di partecipare a una audizione sulle condizioni di lavoro dei propri dipendenti nell'Ue. Alla fine dello scorso anno l'azienda aveva anche annullato una visita prevista degli europarlamentari nelle proprie sedi in Germania e Polonia.

Dopo una lettera della Empl alla presidente del Parlamento europeo Roberta Metsola, la Conferenza dei presidenti del Parlamento ha deciso di rimettere la decisione sulle credenziali dei rappresentanti Amazon all'organismo dedicato, che ha quindi tolto loro la possibilità di accedere agli edifici dell'Eurocamera. "Il processo decisionale dell'Ue non è in vendita - commenta in una nota la segretaria della Confederazione europea dei sindacati Esther Lynch -. Ci congratuliamo con il Parlamento europeo e il Collegio dei Questori per aver preso posizione a favore della democrazia. Amazon si rifiuta di rispondere al Parlamento Ue, ed è giusto che il suo accesso venga rimosso. Chiediamo che questa decisione si applichi a tutti i lobbisti di Amazon, compresi i suoi consulenti. Ciò deve segnare l'inizio di un processo atteso da tempo. Attualmente, conviene che le aziende investano nella modifica delle leggi dell'Ue a loro favore - ha proseguito Lynch -. Bruxelles ha il maggior numero di lobbisti aziendali di qualsiasi città d'Europa, seconda solo a Washington a livello mondiale. L'accesso istituzionale dovrebbe invece essere riservato alle organizzazioni democratiche e rappresentative".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.