Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

L'economia russa cresce, ma sulla carta per la guerra

L'economia russa cresce, ma sulla carta per la guerra

Il rublo è crollato, l'inflazione è alta, i tassi d'interesse sono al 16%

23 febbraio 2024, 13:41

Redazione ANSA

ANSACheck

L 'economia russa cresce, ma sulla carta per la guerra © ANSA/AFP

"Mentre l'economia russa continua a crescere sulla carta, uno sguardo più attento rivela che ciò è dovuto al significativo aumento delle spese militari: il 6% del Pil nel 2024 (pari a 109 miliardi di euro). La Russia è diventata un'economia di guerra. L'inflazione rimane al di sopra dell'obiettivo del 7,4% a causa dell'elevata spesa pubblica, dell'alta crescita dei salari in un mercato del lavoro in contrazione e di una valuta in calo di oltre il 20% rispetto al dollaro nel 2023. La Banca Centrale è stata costretta ad aumentare i tassi di interesse al 16%". Così la Commissione europea in un'analisi sull'impatto delle sanzioni.

L'analisi cita le previsioni del Fmi - che per il 2024 prevedono una crescita in Russia del 2,6% - ma le colloca in un contesto più ampio. "Le prospettive per l'economia russa nel medio-lungo termine sono desolanti: la Russia è ormai un'economia di guerra, isolata a livello internazionale, troppo dipendente dal sostegno statale e più che mai dalle risorse energetiche e dall'importazione di tecnologia dalla Cina", recita il documento. "L'accesso molto limitato alle tecnologie occidentali a causa delle sanzioni internazionali, l'erosione del capitale umano dovuta alla mobilitazione e all'emigrazione e i massicci investimenti militari con scarse ricadute sui settori civili danneggeranno nel tempo il potenziale economico della Russia. Secondo il Fondo Monetario Internazionale, nel 2023 l'economia russa rimarrà più piccola del 4,9% rispetto all'ipotesi precedente alla guerra e la crescita del Pil dovrebbe rallentare all'1,1% nel 2025. Le finanze pubbliche rimangono in deficit a causa del finanziamento della guerra e la loro qualità si deteriora: il deficit del bilancio federale ha raggiunto i 3,4 miliardi di rubli o l'1,9% del Pil nel 2023".

"Il governo russo - conclude l'analisi - ha un margine di bilancio ridotto. Finora è stato in grado di finanziare la guerra grazie al basso debito pubblico, al Fondo nazionale per il Benessere e a speciali imposte una tantum (ad esempio, un prelievo sui superprofitti di Gazprom derivanti dalla volatilità dei prezzi dell'energia). Il livello del Fondo è diminuito di oltre il 7% solo tra febbraio 2022 e gennaio 2024, arrivando a 11.900 miliardi di rubli (131 miliardi di dollari) o al 6,6% del Pil previsto nel 2024, nonostante una parziale ricostituzione del Fondo e gli effetti positivi del deprezzamento del rublo".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.