Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

All'Eurocamera largo consenso sulla modifica dello status di protezione del lupo

All'Eurocamera largo consenso sulla modifica dello status di protezione del lupo

Misure di prevenzioni e deroghe considerate insufficienti: "Alle prossime elezioni perderemo consenso"

12 febbraio 2024, 20:37

Redazione ANSA

ANSACheck

All 'Eurocamera largo consenso sulla modifica dello status di protezione del lupo - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES - Il Parlamento chiede alla Commissione europea di essere più incisiva nella modifica dello status di protezione del lupo, i cui progressi hanno portato la popolazione di questa specie di canidi a raggiungere gli oltre 20mila esemplari negli ultimi decenni nell'Ue senza tuttavia limitare la minaccia nei confronti degli allevamenti. Sulla base di una larga maggioranza dell'Eurocamera e dei dati raccolti, l'Esecutivo europeo ha chiesto a dicembre 2023 di proporre al Comitato permanente della Convenzione di Berna di modificare lo status del lupo da specie "strettamente protetta" a "protetta".

In uno scambio di opinioni in commissione Agricoltura gran parte dei gruppi politici dell'Eurocamera ha puntato il dito contro la Commissione. "La popolazione del lupo in queste condizioni può aumentare del 30% ogni anno e la prossima riunione del Comitato permanente della Convenzione è a dicembre 2024, serve accelerare", ha dichiarato l'eurodeputato del gruppo dei Conservatori e riformisti (Ecr) Bert-Jan Ruissen. "Non sempre la tutela degli animali è un'opzione possibile, l'unica scelta per molti allevatori è chiudere i battenti", ha insistito l'eurodeputato del Südtiroler Volkspartei (Ppe), Herbert Dorfmann. "L'inazione ci sta portando a perdere quote di consenso e il tema peserà nella campagna per le prossime elezioni europee", ha aggiunto l'altoadesino.

Per la Commissione europea l'alleviamento nello status di protezione del lupo deve tenere in considerazione vari fattori non solo limitati al numero degli esemplari. Nel 2025 Bruxelles redigerà una valutazione definitiva della popolazione dei lupi nell'Ue tenendo in considerazione fattori come la struttura della popolazione, il raggio di azione, la distanza dalla popolazione umana e le prospettive nella pressione e nelle minacce nei confronti dei lupi stessi. L'approccio, ha dichiarato, Humberto Delgado Rosa, Direttore per la Biodiversità della Direzione generale Ambiente intervenuto in rappresentanza della Commissione europea, "deve essere orientato alla combinazione tra coesistenza con le altre specie, prevenzione dei danni e supporto agli allevatori". Bruxelles ricorda che le misure di prevenzione restano in vigore insieme alle deroghe alla protezione e agli aiuti pubblici per i produttori, e che una modifica della direttiva Habitat che definisce lo status delle specie protette nell'Ue può avvenire solo in linea con la Convenzione di Berna.

Il gruppo dei Verdi si appella alle deroghe esistenti per non pregiudicare lo status di protezione del lupo. "Le vittime degli attacchi sono prossime allo zero per cento nella popolazione delle pecore, e sappiamo l'impatto dell'azione del lupo nel garantire la biodiversità e nel ridurre il rischio di zoonosi: non bisogna cedere alle lobby degli allevatori, perché dopo il lupo si tenderà a minacciare anche altre specie", ha detto l'eurodeputata lussemburghese dei Verdi Tilly Metz. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.