Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ipotesi sospensione del diritto di voto a Budapest se Orban blocca gli aiuti a Kiev 

Ipotesi sospensione del diritto di voto a Budapest se Orban blocca gli aiuti a Kiev 

Molti Paesi chiedono l'attivazione dell'articolo 7 del Trattato sull'Ue

26 gennaio 2024, 17:43

Redazione ANSA

ANSACheck

Ipotesi sospensione del diritto di voto a Budapest se Orban blocca gli aiuti a Kiev © ANSA/AFP

BRUXELLES - La "frustrazione" tra gli Stati membri dell'Ue per la posizione intransigente di Budapest sulla revisione del bilancio comunitario, che comprende gli aiuti a Kiev ma anche i fondi per la migrazione e il sostegno alle imprese, "sta crescendo" e molti Paesi a questo punto avanzano l'ipotesi di attuare la procedura dell'articolo 7 del Trattato sull'Unione europea, che può prevedere la sospensione dei diritti di voto di uno Stato membro. Lo assicurano fonti qualificate europee.

Le discussioni "continuano" in vista del Consiglio straordinario del 1° febbraio ma l'inflessibilità dell'Ungheria sta esasperando gli animi.

"Molti leader sono irritati dalla strategia di ricatto adottata dal premier ungherese Orban e non escludono l'opzione di usare le maniere forti", assicura un alto funzionario europeo. In questa fase i negoziati continuano ma - a quanto si apprende - il Consiglio "è pronto" ad aprire la procedura dell'articolo 7, che si attiva su richiesta di un terzo dei suoi membri, della Commissione o del Parlamento Europeo.

La frustrazione deriva non solo da una questione di metodo - il ricatto, per l'appunto - ma anche di merito. La richiesta di Orban di non passare per il bilancio comunitario per aiutare l'Ucraina con i 50 miliardi promessi nell'arco di quattro anni (un mix di sussidi e prestiti) infatti pone una serie di problemi tecnici, che riduce la prevedibilità necessaria per sostenere davvero Kiev.

"Alcune richieste di Budapest possono essere soddisfatte parzialmente mentre altre riscontrano totale opposizione, come la richiesta di un voto annuale sui fondi, che darebbe a Orban un veto da potersi giocare su altri tavoli ogni anno", assicura una fonte.

Al Consiglio di dicembre scorso i leader sono arrivati ad un accordo a 26 sulla revisione del bilancio Ue al quale Orban si è opposto. I 26 hanno quindi deciso di tornare sulla questione il 1° di febbraio per poter nel mentre trovare un'intesa. Contemporaneamente i tecnici sia della Commissione che del Consiglio stanno lavorando a un "piano B" nel caso in cui l'Ungheria non si pieghi. Ma sarebbe una soluzione di emergenza che scontenta tutti (a parte Orban). Da qui l'ipotesi - alquanto straordinaria - di procedere con l'articolo 7 dei trattati, soprannominata 'l'opzione nucleare' e dunque mai usata contro alcun Paese.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.