Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Commissione e alto rappresentante sostengono l'ordinanza dell'Aja su Gaza

Commissione e alto rappresentante sostengono l'ordinanza dell'Aja su Gaza

Dichiarazione congiunta: "Si attui subito la decisione della Corte di giustizia"

26 gennaio 2024, 17:19

Redazione ANSA

ANSACheck

Commissione e alto rappresentante sostengono l 'ordinanza dell 'Aja su Gaza © ANSA/AFP

BRUXELLES - "Le ordinanze della Corte internazionale di giustizia sono vincolanti per le parti e queste devono rispettarle: l'Unione europea si aspetta la loro piena, immediata ed effettiva attuazione". Lo si legge in una dichiarazione congiunta dell'Alto rappresentante e della Commissione europea dopo la pronuncia della Corte dell'Aja, secondo cui almeno alcuni atti registrati dal 7 ottobre a Gaza sembrano in grado di rientrare nella "convenzione sul genocidio". "La Corte ritiene di non poter accogliere la richiesta di Israele di archiviare il caso", ha affermato la giudice americana Joan Donoghue.

"L'Ue ribadisce il suo continuo sostegno alla Corte, il principale organo giudiziario delle Nazioni Unite: la decisione odierna sulla richiesta del Sudafrica di indicare misure provvisorie non pregiudica il diritto di ciascuna parte di presentare argomentazioni in merito alla giurisdizione, all'ammissibilità o al merito", prosegue la dichiarazione.

La Corte ha ritenuto che vi sia "sufficiente urgenza per ordinare misure provvisorie contro Israele", a cui ha ordinato di "prendere tutte le misure per prevenire qualunque atto di genocidio a Gaza". Israele, hanno stabilito i giudici dell'Aja, deve adottare misure immediate ed efficaci per consentire la fornitura dei servizi di base e dell'assistenza umanitaria urgenti e necessari per affrontare le condizioni di vita dei palestinesi nella Striscia di Gaza.

Adita dal Sudafrica per ordinare a Israele l'adozione delle misure urgenti, la Corte ha anche chiesto il rilascio immediato e incondizionato degli ostaggi israeliani. Nessuna decisione è giunta per chiedere a Israele un cessate il fuoco a Gaza, contrariamente alle richieste del Sudafrica.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.