Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giù i costi dell'inquinamento industriale in Ue, ma è 2% del Pil

Giù i costi dell'inquinamento industriale in Ue, ma è 2% del Pil

Cala del 33% in 10 anni, Italia fra i 5 Stati con impianti più dannosi

25 gennaio 2024, 19:39

Redazione ANSA

ANSACheck

Giù i costi dell 'inquinamento industriale in Ue, ma è 2% del Pil © ANSA/EPA

ROMA - I costi dell'inquinamento atmosferico causato dai più grandi impianti industriali d'Europa dal 2012 al 2021 sono stati in una media compresa tra 268 e 428 miliardi di euro all'anno (2.700 e 4.300 miliardi in totale), circa il 2% del Pil dell'Ue. Tuttavia secondo l'analisi aggiornata dell'Aea (Agenzia europea dell'ambiente), il costo ambientale e sanitario dell'industria europea è diminuito di circa un terzo (-33%) nei dieci anni.

L'aggiornamento diffuso oggi nel briefing "I costi per la salute e l'ambiente derivanti dall'inquinamento atmosferico industriale in Europa" ha esaminato circa 10mila impianti e ha rilevato i progressi fatti dall'industria europea nel ridurre i suoi impatti su clima e ambiente. Nel 2021, i primi cinque Stati membri con strutture che contribuiscono ai costi esterni più elevati sono stati Germania, Polonia, Italia, Francia e Spagna. Sono poco più di 100 (107) le strutture responsabili del 50% del danno complessivo causato dalle emissioni atmosferiche, ovvero l'1% - soprattutto centrali elettriche a carbone -.

Il settore energetico ha rappresentato circa l'80% della diminuzione totale, principalmente adottando le migliori tecniche disponibili e passando alle energie rinnovabili e ai combustibili meno inquinanti, in gran parte come risultato dell'azione dell'Ue. Si prevede che il rafforzamento della direttiva europea sulla qualità dell'aria sosterrà ulteriormente lo sviluppo verso la decarbonizzazione, l'inquinamento zero, l'economia circolare e l'innovazione, avvicinando i limiti di inquinamento alle linee guida sanitarie dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.