Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Bruxelles deferisce l'Italia a Corte per i ritardi nei pagamenti

Inviata lettera di infrazione sull'assegno unico

Redazione ANSA

BRUXELLES - La Commissione europea ha deferito l'Italia alla Corte di giustizia per la non corretta applicazione delle norme della direttiva del 2011 sui ritardi di pagamento che impone alle autorità pubbliche di saldare le fatture entro 30 giorni (60 per gli ospedali pubblici). Oltre all'Italia, per le stesse ragioni, l'esecutivo comunitario ha deferito alla Corte il Belgio e la Grecia e ha inviato un parere motivato alla Grecia.

La Commissione Ue ha inviato al governo italiano la lettera con parere motivato che contesta l'assegno unico introdotto nel marzo dell'anno scorso. L'invio della missiva comporta un avanzamento della procedura di infrazione nei confronti di Roma. Secondo la Commissione, "la legislazione viola il diritto dell'Ue in quanto non tratta i cittadini europei in modo equo, il che si qualifica come discriminazione".

Spiega nel dettaglio la Commissione di aver deciso di inviare il parere motivato all'Italia sull'assegno unico e universale per i figli a carico, introdotto nel marzo 2022, per il mancato rispetto delle norme dell'Ue in materia di coordinamento della sicurezza sociale e di libera circolazione dei lavoratori. Possono beneficiarne solo coloro che risiedono per almeno due anni in Italia, e solo se vivono nello stesso nucleo familiare dei figli. Secondo il parere dell'esecutivo comunitario questa normativa viola il diritto dell'Ue, in quanto non tratta i cittadini dell'Unione in modo equo, e pertanto si qualifica come discriminazione.

Il regolamento sul coordinamento della sicurezza sociale, ricorda la Commissione, vieta inoltre qualsiasi requisito di residenza ai fini della percezione di prestazioni di sicurezza sociale, quali gli assegni familiari. Bruxelles aveva inviato a febbraio 2023 una lettera di costituzione in mora, cui l'Italia ha risposto a giugno. L'esecutivo comunitario spiega ora di ritenere che "la risposta non affronti in modo soddisfacente i suoi rilievi". L'Italia ha due mesi per rispondere e adottare le misure necessarie, trascorsi i quali la Commissione potrà decidere di deferire il caso alla Corte di giustizia dell'Ue.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: