Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Commissione, su messa in opera Pnrr Italia tra Paesi in prima fila

'Discutiamo in modo costruttivo sulla revisione del Piano'

Redazione ANSA

BRUXELLES - "Stiamo lavorando a stretto contatto e in modo proficuo con le autorità italiane e continuiamo a discutere in modo costruttivo sul piano rivisto, che include un capitolo RePower". E' quanto spiega una portavoce della Commissione Ue in merito all'esame della revisione del Pnrr italiano. "Inoltre, abbiamo ricevuto la quarta richiesta di pagamento dell'Italia. La Commissione continua a discutere in modo costruttivo con le autorità italiane e sta valutando la richiesta; seguiranno poi le consuete procedure del Consiglio", spiega ancora il portavoce sottolineando: "sulla messa in opera del Pnrr, l'Italia è uno dei Paesi in prima fila".

"Ad oggi l'Italia ha già ricevuto 85,4 miliardi di euro di fondi del Recovery and Resilience Fund. L'Italia è il principale beneficiario dei fondi del Recovery in termini assoluti, con 191,6 miliardi di euro a sostegno di un'ampia gamma di riforme e investimenti trasformativi", spiega ancora il portavoce dell'esecutivo europeo che tornando a soffermarsi sul dossier del Pnrr dopo che, nella giornata di ieri, indiscrezione sulla stampa internazionale hanno parlato di una certa preoccupazione, a Palazzo Berlaymont, sulle chance che l'Italia riesca ad ottenere tutti i Fondi del recovery da qui al 2026.

Domani a Bruxelles arriverà il ministro per gli Affari Ue, il Sud, la Coesione e il Pnrr Raffaele Fitto, che parteciperà al Consiglio Affari Generali. Ma non si può escludere che, come è accaduto altre volte che il ministro era Bruxelles, Fitto faccia il punto sullo stato dell'arte del Pnrr italiano con la task force europea del Recovery.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: