/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Presidenza Ue, a Ecofin raggiunta intesa sulla riforma del Patto di Stabilità

Presidenza Ue, a Ecofin raggiunta intesa sulla riforma del Patto di Stabilità

Gentiloni, segnale molto positivo

14 marzo 2023, 17:25

Redazione ANSA

ANSACheck

Elisabeth Svantesson, Valdis Dombrovskis e Paolo Gentiloni - RIPRODUZIONE RISERVATA

BRUXELLES - Al consiglio Ecofin "abbiamo trovato un'intesa" sulle conclusioni relative alla riforma del Patto di Stabilità. Lo ha annunciato la ministra delle Finanze svedese, e Elisabeth Svantesson, alla presidenza di turno dell'Ue. "Abbiamo un accordo sulle linee più ampie del nuovo quadro" di governance economica. "Chiediamo alla Commissione di prendere in considerazione il punto di vista del Consiglio e continuare a confrontarsi con gli Stati membri".

Nelle conclusioni sulla "convergenza" tra gli Stati Ue per la riforma del Patto di stabilità emerge ora, rispetto al documento inizialmente previsto, l'invito alla Commissione "prima di pubblicare le sue proposte legislative, a tenere conto delle opinioni convergenti degli Stati membri e a continuare a impegnarsi con gli Stati membri nelle aree individuate per ulteriori discussioni". Tra i punti di significativa novità, non previsti in precedenza, c'è anche l'impegno "a elaborare le possibili prossime tappe in seno al Consiglio, al fine di concludere i lavori legislativi nel 2023".

"Sulla revisione della governance economica non c'è carta bianca" alla Commissione. Lo ha detto il ministro dell'Economia tedesco Christian Lindner a margine dell'Ecofin. "Nelle discussioni degli ultimi giorni è emerso chiaramente che alcuni, o per essere più precisi un numero considerevole di Stati membri, sono preoccupati che i loro commenti e le loro considerazioni e la loro situazione particolare non vengano adeguatamente presi in considerazione".

Sulla riforma della governance economica "c'è ancora del lavoro da fare sui dettagli e per raggiungere una convergenza sulle questioni aperte che riguardano gli Stati". "Accogliamo con favore la decisione del Consiglio di elaborare rapidamente le fasi successive, con l'obiettivo di concludere il lavoro legislativo nel 2023". Lo ha detto il vice presidente della Commissione europea Valdis Dombrovskis dopo il Consiglio Ecofin.

Le conclusioni dell'Ecofin di oggi sulla riforma del Patto di stabilità e crescita Ue "sono un passo fondamentale". "Non e' l'ultimo dei passi necessari. Ci sarà ancora lavoro da fare ma è molto importante che le proposte della Commissione abbiano ricevuto un primo via libera". Lo ha detto il commissario europeo Paolo Gentiloni. E' "un segnale sulla materia forse più controversa e difficile nelle discussioni economiche europee. E' un segnale molto positivo".

"Abbiamo lavorato in maniera ferma e costruttiva affinché le conclusioni sulla riforma del patto di stabilità fossero approvate oggi dall'Ecofin. Il testo finale, che condividiamo, prevede, come avevamo auspicato, che la nuova riforma sia approvata entro l'anno per poter affrontare la transizione del 2024 in maniera realistica e con obiettivi raggiungibili". Così, riferisce il Mef, il ministro Giancarlo Giorgetti al termine dell'Ecofin di oggi sulla revisione del patto di stabilità. "Riteniamo molto importante" "aver ribadito la responsabilità nazionale nei piani di bilancio di medio termine dei singoli paesi" ha aggiunto. "Siamo consapevoli e rispettosi delle diverse visioni e delle preoccupazioni di alcuni Paesi come la Germania. Al tempo stesso riteniamo fondamentale che le future regole fiscali promuovano gli investimenti in tutti i settori strategici, compreso l'ambiente, la digitalizzazione e la difesa".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza

ANSA Corporate

Se è una notizia,
è un’ANSA.

Raccogliamo, pubblichiamo e distribuiamo informazione giornalistica dal 1945 con sedi in Italia e nel mondo. Approfondisci i nostri servizi.