Fine vita: comitato Cappato a Bruxelles chiede legge europea

Primo incontro con assemblea civica sul tema

Redazione ANSA

 BRUXELLES, 08 DIC - Un comitato di cittadini formatosi nel corso della prima conferenza europea transnazionale organizzata dalla coalizione Citizens Take Over Europe e dal movimento paneuropeo EUMANS hanno chiesto di dare seguito alla raccomandazione numero 24 della Conferenza sul futuro dell'Europa che sollecita la libertà di scelta dei cittadini nelle decisioni di fine vita e sulle cure palliative nell'Unione europea.

Riunitasi a Bruxelles, l'assemblea dei 52 cittadini provenienti da 5 Stati Ue ha preparato una bozza di dichiarazione contenente proposte di iniziative a livello europeo sulla questione specifica, che vede Marco Cappato (ex europarlamentare, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni e co-presidente di EUMANS) impegnato in prima persona nella battaglia per la legalizzazione dell'eutanasia in Italia. "Se vogliamo che l'Europa diventi uno spazio sempre più di diritti e libertà fondamentali non ci possiamo disinteressarci dei diritti di scelta delle persone in fin di vita", ha dichiarato Cappato a margine dell'evento.

L'assemblea ha preceduto un evento parallelo che si svolgerà a Parigi, dove un grande dibattito pubblico sul fine vita riunirà 150 cittadini con l'obiettivo di discutere se modificare o meno la legge nazionale esistente (Claeys-Leonetti), che vieta l'eutanasia e il suicidio assistito.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Ultimo aggiornamento: