Emilia-Romagna

Zaki: "Continuerò a combattere finché non torno a Bologna"

Lettera alla fidanzata pubblicata dalla pagina social 'Patrick Libero'

"Combatterò finché non tornerò a studiare a Bologna". Lo afferma Patrick Zaki in una lettera alla fidanzata pubblicata dalla pagina social 'Patrick Libero' e consegnata alla famiglia durante una visita nel carcere egiziano dove lo studente è detenuto. "La mia indagine è ripresa, il che potrebbe significare che un giorno andrò in tribunale e avrò un processo e questo è molto peggio di quanto mi aspettassi. Dopo un anno e mezzo, non potevo fare a meno di pensare che avrò presto la mia libertà, ma ora è chiaro che non accadrà presto", dice ancora. 

 "Nei nostri sogni più selvaggi - scrive ancora lo studente - non avremmo mai potuto immaginare uno scenario come questo, da quando sono partito per Bologna abbiamo fatto tanti progetti, che tu venivi a trovarmi per girare l'Italia insieme. Mi rende estremamente triste che non potrà succedere, la mia situazione sta peggiorando di giorno in giorno". Per Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia, "è uno dei messaggi più importanti in questo ormai anno e mezzo di detenzione illegale. E' un messaggio che non è stato frequente in questi 18 mesi, che guarda al futuro, che di nuovo pensa a Bologna come il punto in cui la vita di Patrick si è interrotta e dal quale vuole riprenderla. E' di grande incoraggiamento per tutti noi, è il messaggio di una persona determinata a resistere fino a quando non tornerà nel luogo scelto per studiare e per vivere". 

   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Video ANSA


Vai al Canale: ANSA2030
Vai alla rubrica: Pianeta Camere
Aeroporto di Bologna



Modifica consenso Cookie