Opere di Pomodoro e Beverly Pepper in dialogo a Todi

Secondo Festival delle Arti, fino al 26 settembre

Redazione ANSA PERUGIA

PERUGIA - L'effetto è lo stesso che nel 1979 provocarono le maestose quattro Sentinelle di Beverly Pepper. In piazza del Popolo a Todi ora sotto i riflettori ci sono le sempre maestose quattro Stele di Arnaldo Pomodoro, un'imponente installazione di colonne bronzee alte sette metri per affascinare ancora una volta cittadini e visitatori. L'obiettivo del Festival delle Arti "Arnaldo Pomodoro e Beverly Pepper - Walking in Art" è quello di puntare a ricreare le stesse emozioni di allora, come è stato ricordato durante l'inaugurazione delle installazioni monumentali (quella temporanea delle Stele in piazza del Popolo e quella degli Scettri ai giardini Oberdan) e della mostra (nella sala dei Portici) dal titolo "Arnaldo, Beverly e l'Umbria - Una storia per immagini".
    Amava profondamente l'Umbria la Pepper (Todi è stata la sua seconda casa, dove ha lasciato tracce scultoree indelebili) e l'ama ancora oggi Pomodoro, con le sue opere disseminate in tutta la regione.
    Installazioni, mostre, art talk e urban art tour saranno quindi gli ingredienti della seconda edizione del Festival, con le iniziative che andranno avanti fino al 26 settembre. "Collocare le mie opere in una città è per me importantissimo perché significa misurarmi con lo spazio e in ciò consiste l'attività dello scultore", ha scritto il maestro Pomodoro in un suo messaggio di saluto.

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie