A Lucca esposizione foto e giocattoli d'epoca

Racconta come giocavano un tempo i bambini

Redazione ANSA FIRENZE

LUCCA - Giocattoli d'epoca, vecchie foto, oggetti ludici, ma anche manifesti, cataloghi e tanti altri documenti per ricordare il tempo che fu. Si intitola 'Giro giro tondo, gioca il mondo' la mostra che prende il via domani a Palazzo Ducale a Lucca fino al 9 gennaio.
    L'esposizione - promossa dalla Provincia di Lucca e dalla Fondazione Paolo Cresci per la storia dell'emigrazione italiana - è curata da Pietro Luigi Biagioni con il progetto scenico firmato da Alessandro Sesti. L'arco temporale del materiale raccolto va dalla metà del 19/o secolo alla seconda guerra mondiale e corrisponde al periodo italiano dei grandi flussi migratori. L'allestimento ha anche una "colonna sonora" del compositore lucchese Gianmarco Caselli il quale ha composto appositamente "Ambarabà", un brano allegro che si ispira all'atmosfera delle feste popolari paesane. Compone l'esposizione una serie di documenti dedicati al gioco dei bambini provenienti dall'archivio Cresci, con oltre 200 foto, giocattoli d'epoca, lettere, articoli di giornale, manifesti e cataloghi. "I bambini - spiegano i curatori della mostra Biagioni e Sesti - entrano da protagonisti nella comunicazione per immagini fotografiche: vi sono ritratti sin dalla nascita seguendo l'itinerario che documenta eventi significativi della vita: nascita, cerimonie religiose, successi scolastici e ovviamente uno spazio importante è dedicato ai giochi".
    "L'esposizione di Palazzo Ducale ci costringe, almeno a noi adulti, a riaprire i cassetti della memoria e quindi a rinnovare ricordi di momenti e persone care - dichiara Ave Marchi, presidente della Fondazione Cresci -. Avvicinarsi alle fotografie d'epoca di bambini che giocano con i balocchi di una volta suscita un senso di nostalgia perché ci fa tornare alla mente l'infanzia. Ma suscita anche rammarico perché sappiamo che questi giocattoli parlano di un mondo lontano anni luci da quello attuale". (ANSA).
   

 RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie