Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Giotto e la fotografia, una mostra agli Eremitani di Padova

Giotto e la fotografia, una mostra agli Eremitani di Padova

La Cappella degli Scrovegni negli scatti datati tra '800 e '900

PADOVA, 10 novembre 2023, 17:21

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Padova dedica una mostra fuori dai canoni a Giotto e ai suoi affreschi. Si tratta infatti di una esposizione che vedrà protagonista la fotografia e racconterà con le immagini dell'800 e del '900 il rapporto dei primi fotografi con Giotto, e con la Cappella di Scrovegni che ne custodisce il ciclo pittorico più importante.
    Si terrà dal 28 ottobre al 7 aprile 2024, al Museo Eremitani di Padova, e si intitolerà "Lo scatto di Giotto. La Cappella degli Scrovegni nella fotografia fra '800 e '900". Un appuntamento, grazie al quale si potrà conoscere più da vicino l'importanza dei celebri affreschi padovani, cuore del progetto 'Urbs Picta', valso alla città la seconda iscrizione nel patrimonio Unesco.
    "Questa mostra - spiega l'assessore alla Cultura del Comune di Padova, Andrea Colasio -. racconta in modo compiuto il rapporto tra Giotto e la fotografia nell'800 . Sullo sfondo resta la grande battaglia civile realizzata dal Comune per salvare la Cappella degli Scrovegni dalla distruzione e dalla vendita agli inglesi. È una grande storia che narra di come la fotografia diventi uno strumento fondamentale rispetto alle esigenze di documentazione e sia funzionale ad una politica di restauro. Il confronto tra le fotografie di quarant'anni fa con quelle di oggi permette di raffrontare il degrado degli affreschi o il restauro".
    La rassegna proporrà per la prima volta materiali originali di archivio dopo due secoli. "Non solo - conclude Colasio -, grazie all'intelligenza artificiale e a videowall giganti è stato rimesso in vita Enrico Scrovegni, figura importante della nostra storia".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza