Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Roma le 8 'sequenze' di Leoncillo a Spazio all'Arte

A Roma le 8 'sequenze' di Leoncillo a Spazio all'Arte

Inediti fili rossi tra le opere del grande scultore

ROMA, 12 dicembre 2023, 17:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dal 14 dicembre al 15 febbraio la Casa d'Aste Capitolium Art presenta a Spazio all'arte la mostra 'Leoncillo, sequenze 1932-1968', la rassegna più completa dedicata al grande scultore italiano, allestita a Roma dopo l'antologica del 1979 alla Gnam.
    L'esposizione, curata da Enrico Mascelloni con la collaborazione di Maurizio Stazi, propone una lettura nuova dell'intero percorso dell'artista: "Mettendo in sequenza sculture di varie epoche - spiega il curatore - Leoncillo accetta di confrontarsi con alcuni tra i linguaggi vincenti dei suoi anni, ma non si piegherà mai a una vera e propria ossessione per le medesime forme e al contempo non abbandonerà mai un modellato convulso e di potente gestualità, che a quelle forme resta connaturato". La rassegna si presenta sia come un'antologica che indaga ogni sua fase artistica con opere anche molto famose, sia come una serie di 8 sequenze, ognuna caratterizzata dalla giustapposizione di opere tra loro lontane nel tempo e apparentemente distanti nel linguaggio. Il risultato è un percorso coerente, assicurato anche dall'uso esclusivo di un materiale considerato allora desueto e minore come la ceramica.
    All'interno di ogni singola sequenza sono presenti opere ritenute tra i suoi capolavori, come 'Cariatide' del 1942, 'Lottatori' del 1946 che apre la sua fase neocubista e 'Rovine di Terni' del 1955 che di fatto la conclude, come 'Ore d'insonnia' del 1963 e 'Pietà' del 1964 che aprono il linguaggio di Leoncillo a una "scultura orizzontale, magmatica, di terra che si simula terra in un grandioso trompe l'oeil", come spiega Enrico Mascelloni. La mostra, coordinata da Carolina Righi, è accompagnata da un catalogo per i tipi Skira che contiene il testo critico del curatore, una serie di foto appositamente realizzate da Massimiliano Ruta per mettere in evidenza lo straordinario rapporto tra forma e materia nel linguaggio di Leoncillo e ampi apparati bio-bibliografici a cura di Marianna Ostuni.
    'Leoncillo, sequenze 1932-1968' è visitabile in via delle Mantellate 14b, dal lunedì al venerdì, dalle 10 alle 13.30 e dalle 14.30 alle 19 fino al 15 febbraio 2024.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza