Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al mondo 750 milioni di persone soffrono la fame

Al mondo 750 milioni di persone soffrono la fame

Presentato a Palazzo Marino a Milano il Global Hunger Index

MILANO, 29 novembre 2023, 12:30

Redazione ANSA

ANSACheck

(Archivio) © ANSA/EPA

(Archivio) © ANSA/EPA
(Archivio) © ANSA/EPA

Settecentocinquanta milioni di persone nel mondo soffrono la fame, in particolar modo le giovani donne, ad un livello definito allarmante in almeno 43 Paesi, a causa di guerre, crisi economiche, catastrofi climatiche. È quanto emerso dall'Indice Globale della Fame (Global Hunger Index - GHI), tra i principali rapporti internazionali sulla misurazione della fame nel mondo, curato da Fondazione CESVI per l'edizione italiana, presentato questa mattina a Palazzo Marino a Milano.
    La situazione più grave si registra in particolare Burundi, Lesotho, Madagascar, Niger, Rep. Centrafricana, Congo, Somalia, Sud Sudan e Yemen. Altro dato allarmante è il mancato progresso nel contrasto alla povertà alimentare dal 2015 ad oggi, con 735 milioni di persone malnutrite nel mondo.
    Stanto ai dati, presentati alla vigilia dell'apertura della Cop28 a Dubai, la situazione pesa significativamente di più sui giovani, in particolare donne e bambine che rappresentano circa il 60% delle vittime della fame acuta. Il lavoro di assistenza non pagato le sovraccarica, triplicando la loro probabilità di non accedere a lavori retribuiti rispetto agli uomini.
    L'analisi, che calcola il punteggio GHI di ogni Paese sulla base dello studio di quattro indicatori, denutrizione, deperimento infantile, arresto della crescita infantile e mortalità dei bambini sotto i cinque anni, mostra l'impatto diretto rappresentato dal cambiamento climatico ha sull'insicurezza alimentare. Questo perchè il 75% di chi vive in povertà nelle zone rurali si affida alle risorse naturali, come foreste e oceani per la sopravvivenza, e l'80% delle popolazioni che soffrono la fame vivono in zone particolarmente colpite da catastrofi naturali.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza