Covid: resilienza mercati all'ingrosso superiore al sistema-Paese

Con Pnrr 800 mln a strutture all'ingrosso per periodo 2021-2026

Redazione ANSA ROMA
(ANSA) - ROMA, 11 MAG - Durante l'emergenza Covid i 19 mercati agroalimentari all'ingrosso aderenti a Italmercati hanno dimostrato una resilienza superiore al settore di riferimento e all'economia italiana. Nel 2020 i mercati hanno infatti subito una contrazione del fatturato del -1,4%, pari alla metà del settore di riferimento (-2,8%) e 7 volte meno del dato italiano (-9,6%). E' quanto emerso oggi a Roma con la presentazione dello studio "L'Italia alla prova del cambiamento: la risposta dei mercati agroalimentari all'ingrosso", realizzato da The European House - Ambrosetti. L'incontro di presentazione dello studio è stato organizzato da Italmercati e The European House - Ambrosetti presso la Casa del Cinema. Con il report economico diffuso risulta che i mercati i mercati sono stati in grado di crescere in termini di occupazione, con un aumento del +1,7% nell'anno pandemico, in controtendenza con il calo del -3,4% del settore di riferimento e del -2,1% del sistema-Paese. Viene rilevato che nel periodo di emergenza il 67% dei mercati ha avviato un processo di efficientamento dei sistemi di logistica e magazzino per gestire al meglio i prodotti freschi e la catena del freddo e il 47% ha realizzato una piattaforma online per la prenotazione delle merci. Sotto il profilo della transizione ecologica viene denunciato che i mercati agroalimentari all'ingrosso non sono ancora adeguatamente percepiti quali attori chiave per il rilancio e la transizione sostenibile della filiera agroalimentare italiana. Un primo segnale di riconoscimento - sottolinea una nota - arriva dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr), che dedica 800 milioni di euro ai mercati agroalimentari all'ingrosso nel periodo 2021-2026. (ANSA).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie