Marte, Perseverance ha trovato tracce di molecole organiche

Dopo Curiosity. Nel cratere Jezero, il cui fondo è fatto di magma

Redazione ANSA

Dopo Curiosity, anche il rover Perseverance della Nasa ha trovato molecole organiche su Marte: le ha individuate nel cratere Jezero che sta esplorando da febbraio, nel letto roccioso che sembra essersi formato per solidificazione del magma. La scoperta, annunciata al meeting dell'American Geophysical Union a New Orleans, aiuterà a ricostruire l'evoluzione del cratere e alimenta la speranza che le rocce, oltre alle molecole organiche, possano conservare anche segni di vita passata o presente: un motivo in più per attendere con ansia i campioni che verranno riportati sulla Terra nei prossimi anni in collaborazione con l'Agenzia spaziale europea (Esa).

Perseverance ha già riempito e sigillato 6 delle 43 provette disponibili per i campionamenti. Lo scorso 12 novembre, grazie allo strumento PIXL, ha analizzato una roccia chiamata 'Brac', selezionata nella regione South Seitah per il prelievo di un campione. I dati hanno dimostrato che Brac è composta da una quantità insolitamente elevata di grandi cristalli di olivina incastrati in cristalli di pirosseni, che potrebbero essersi formati per raffreddamento del magma. "La roccia è stata poi alterata dall'acqua diverse volte, diventando un vero tesoro che permetterà agli scienziati del futuro di datare gli eventi di Jezero, capire meglio il periodo in cui l'acqua era più diffusa sulla sua superficie e rivelare la storia primordiale del pianeta", spiega Ken Farley del California Institute of Technology.



Resta ancora da capire se le rocce ricche di olivina si siano formate in un grande lago di lava raffreddato in superficie o in una camera magmatica sotterranea poi esposta dall'erosione. Grazie allo strumento SHERLOC, poi, Perseverance ha scoperto anche la presenza di molecole contenenti carbonio, non solo nelle rocce abrase col braccio robotico, ma anche nella polvere sulla roccia non abrasa. Questo non è una conferma della presenza di forme di vita, perché le molecole organiche possono formarsi anche per effetto di meccanismi non biologici, ma comunque fa sperare che spie della vita possano essersi conservate: per conoscere la risposta, però, bisognerà attendere che i campioni vengano analizzati sulla Terra.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA