Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nel cervello il meccanismo che insegna a stare alla larga dai bulli

Nel cervello il meccanismo che insegna a stare alla larga dai bulli

Nei topi, apre a terapie per l'autismo e l'ansia

25 gennaio 2024, 14:15

di Benedetta Bianco

ANSACheck

Scoperto nel cervello dei topi il meccanismo che insegna a stare alla larga dai bulli (fonte: immagine generata per ANSA Scienza dal sistema di IA Microsoft Bing - Image Creator) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scoperto nel cervello dei topi il meccanismo che insegna a stare alla larga dai bulli (fonte: immagine generata per ANSA Scienza dal sistema di IA Microsoft Bing - Image Creator) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Scoperto nel cervello dei topi il meccanismo che insegna a stare alla larga dai bulli (fonte: immagine generata per ANSA Scienza dal sistema di IA Microsoft Bing - Image Creator) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Scoperto nel cervello dei topi il meccanismo che insegna a stare alla larga dai bulli: dopo essere stati attaccati o aver perso un combattimento, gli animali sconfitti fuggono da quelli che li hanno feriti per settimane, un comportamento detto di 'ritirata' che risulta influenzato da un'area dell'ipotalamo, quella parte del cervello che controlla la fame, il sonno e i livelli di molti ormoni. Il meccanismo e' stato individuato dalla ricerca coordinata dall'Istituto medico Langone dell'Universita' di New York e pubblicata sulla rivista Nature. Viste le somiglianze tra cervello di topi ed esseri umani, la scoperta potrebbe portare a nuovi trattamenti per disturbi come autismo, ansia e disturbo da deficit di attenzione e iperattivita' .

I ricercatori guidati da Takuya Osakada hanno osservato come il dolore durante un combattimento, causato ad esempio da un morso, innesca il rilascio di ossitocina, il cosiddetto 'ormone dell'amore'. In questo caso, il suo ruolo e' ben diverso, perche' costituisce un segnale di pericolo che lega il dolore all'odore dell'avversario: in questo modo, la prossima volta che il 'bullo' si avvicina, il suo odore spinge la vittima a stare alla larga.

"I nostri risultati forniscono nuove informazioni su come l'ossitocina all'interno dell'ipotalamo guida l'apprendimento da esperienze sociali traumatiche", spiega Osakada. "Mentre l'ormone e' spesso associato a comportamenti positivi come l'accudimento - aggiunge il ricercatore - il nostro studio evidenzia il suo ruolo chiave anche nel conflitto sociale".

Il cervello degli esseri umani non e' esattamente uguale a quello dei topi, ma ricerche precedenti hanno gia' dimostrato simili comportamenti di 'ritirata' in seguito alla sconfitta sociale in molte specie, uomo compreso. Ad esempio, nei bambini l'esperienza del bullismo e' stata collegata ad un aumento dell'isolamento sociale e delle assenze scolastiche.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza