Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Trovata la chiave dell’infertilità maschile, è un gene mancante

Trovata la chiave dell’infertilità maschile, è un gene mancante

Potrebbe spiegare il 15-30% dei casi riscontrati negli uomini

22 gennaio 2024, 15:11

di Benedetta Bianco

ANSACheck

La chiave dell 'infertilità maschile è in un gene mancante (fonte: rez-art, iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La chiave dell 'infertilità maschile è in un gene mancante (fonte: rez-art, iStock) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
La chiave dell 'infertilità maschile è in un gene mancante (fonte: rez-art, iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA

La chiave dell’infertilità maschile, per lo meno di quella causata da fattori genetici, è in un gene mancante: i topi privi di questo tratto del Dna, infatti, non sono in grado di produrre la proteina necessaria per collegare testa e coda degli spermatozoi, che dunque non riescono a raggiungere l’ovulo per fecondarlo. La scoperta arriva da uno studio pubblicato sulla rivista dell’Università svedese di Göteborg e guidato dallo stesso ateneo, che potrebbe spiegare dal 15 al 30% dei casi di infertilità maschile, la cui causa è rimasta finora sconosciuta.

Il meccanismo svelato potrebbe anche portare ad un nuovo tipo di contraccettivo maschile, in grado di disattivare il gene in questione. I ricercatori guidati da Kexin Zhang hanno identificato una proteina, chiamata MC2, che svolge un ruolo cruciale nella produzione di spermatozoi in grado di nuotare, connettendo le parti della testa e della coda che vengono generate separatamente.

“La connessione si trova nel ‘collo’ della testa dello sperma e facilita il movimento e la funzione coordinati mentre lo sperma nuota verso l’ovulo”, spiega Zhang. “Senza tale connessione, testa e coda continuano ad essere prodotte ma inutilmente – aggiunge la ricercatrice – poiché non sono in grado di raggiungere il loro obiettivo”. Gli esperimenti condotti sui topi hanno dimostrato che, quando il gene responsabile della proteina viene rimosso, gli animali diventano completamente sterili. Questa porzione del Dna non si trova sui cromosomi sessuali e non ha alcun impatto sulla fertilità femminile. “Si stima che circa il 15% delle coppie eterosessuali abbia problemi ad avere figli”, commenta ancora Zhang: “In circa la metà dei casi il responsabile è l’uomo. Spero quindi che la nostra ricerca porti a nuovi metodi diagnostici e nuovi trattamenti per l’infertilità maschile”. 

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza