Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Risvegliate le difese immunitarie contro l'epatite B cronica

Risvegliate le difese immunitarie contro l'epatite B cronica

Studio del San Raffaele apre a nuove terapie

12 gennaio 2024, 12:30

di Elisa Buson

ANSACheck

Nuova immunoterapia mirata risveglia i linfociti T contro il virus dell’epatite B cronica (fonte: Ospedale San Raffaele) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nuova immunoterapia mirata risveglia i linfociti T contro il virus dell’epatite B cronica (fonte: Ospedale San Raffaele) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Nuova immunoterapia mirata risveglia i linfociti T contro il virus dell’epatite B cronica (fonte: Ospedale San Raffaele) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Dare la 'sveglia' alle difese immunitarie riattivando in modo mirato i linfociti T che sono in grado di combattere il virus dell'epatite B cronica: è quanto permette di fare una nuova molecola immunoterapica sperimentata su modelli animali dai ricercatori di Ospedale e Università Vita-Salute San Raffaele, in collaborazione con la startup americana Asher Biotherapeutics.

I risultati, pubblicati su Science Translational Medicine, pongono le basi per lo sviluppo in clinica di un’immunoterapia per questa grave patologia che colpisce oltre 300 milioni di persone nel mondo. Nei pazienti colpiti dall'epatite B cronica, il sistema immunitario non riesce a debellare il virus Hbv responsabile della malattia, che continua a sopravvivere e riprodursi nelle cellule del fegato. Già nel 2019, uno studio pubblicato su Nature dagli stessi ricercatori del San Raffaele aveva dimostrato che ciò accade perché i linfociti T deputati a combattere il virus risultano disfunzionali fin dalla loro attivazione.

La loro caratterizzazione aveva anche permesso di identificare una molecola messaggero capace di risvegliarli, l’interleuchina-2, già sperimentata con successo sia in cellule in coltura (ottenute da campioni di pazienti) sia nel modello animale. L’interleuchina-2, però, può causare gravi effetti collaterali se somministrata in maniera sistemica, perché non raggiunge unicamente il suo bersaglio, i linfociti T, ma anche le cellule Natural Killer che inducono tossicità e alcune cellule regolatorie che inibiscono la risposta immune. Per risolvere questo problema, i ricercatori hanno pensato di legarla a un anticorpo specifico che la indirizzasse in maniera mirata solo ai linfociti T.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza