Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gli antibiotici non sono gli unici colpevoli della nascita di super-batteri

Gli antibiotici non sono gli unici colpevoli della nascita di super-batteri

La scoperta può aiutare a fermare la diffusione di infezioni resistenti

12 gennaio 2024, 14:36

Redazione ANSA

ANSACheck

In alcuni casi, gli antibiotici aumentano il numero di super-batteri, ma ciò dipende anche da altri - RIPRODUZIONE RISERVATA

In alcuni casi, gli antibiotici aumentano il numero di super-batteri, ma ciò dipende anche da altri -     RIPRODUZIONE RISERVATA
In alcuni casi, gli antibiotici aumentano il numero di super-batteri, ma ciò dipende anche da altri - RIPRODUZIONE RISERVATA

È stata una convinzione per molti anni, ma l’utilizzo di antibiotici non è l’unico colpevole della nascita dei ‘super-batteri’, cioè quei batteri resistenti ai trattamenti, la cui diffusione costituisce un grave problema. Lo afferma uno studio guidato dall’Università di Oslo e pubblicato sulla rivista The Lancet Microbe: l’aumento dell’uso di antibiotici sicuramente amplifica l’affermarsi di questi microrganismi, ma giocano probabilmente un ruolo anche il tipo di farmaco e di batterio, così come l’ambiente ed il paese. La scoperta potrebbe aiutare a pianificare meglio gli interventi di sanità pubblica e a fermare la diffusione delle infezioni resistenti alle cure.I ricercatori guidati da Anna Pöntinen, Rebecca Gladstone e Henri Pesonen hanno analizzato i dati degli ultimi 20 anni provenienti da due paesi, Regno Unito e Norvegia, mettendo a confronto il Dna estratto da 700 nuovi campioni batterici con quello di 5.000 vecchi campioni già studiati in precedenza. I risultati mostrano che, in alcuni casi, gli antibiotici aumentano il numero di super-batteri. Tuttavia, ciò dipende da molti fattori: il tipo di farmaco utilizzato, il Dna portato dal microbo in questione, ma anche l’ambiente circostante, vale a dire gli altri batteri presenti e tutto quello che potrebbe indurre a favorire geni che conferiscono resistenza ai trattamenti.Ad esempio, la classe di antibiotici beta-lattamici diversi dalla penicillina viene utilizzata da tre a cinque volte più spesso nel Regno Unito rispetto alla Norvegia e questo ha portato ad un aumento delle infezioni resistenti a questi farmaci nel Paese. Ma lo stesso esito non è stato riscontrato per un altro antibiotico chiamato trimetoprim, che mostra lo stesso schema di utilizzo. Secondo gli autori dello studio, dunque, sono necessari ulteriori ricerche per comprendere appieno l’effetto combinato di antibiotici, viaggi, sistemi di produzione alimentare e altri fattori che determinano i livelli di resistenza ai farmaci in ogni paese.LINK ARTICOLO: https://www.thelancet.com/journals/lanmic/article/PIIS2666-5247(23)00292-6/fulltext#%20

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza