Piano France 2030, Macron finanzia anche industria ibride

Parigi ne conferma il ruolo strategico accanto alle elettriche

Redazione ANSA ROMA

In attesa delle decisioni che verranno prese dal prossimo Governo di Beriino in tema di transizione, industria automotive e divieto di vendita dei modelli benzina e diesel, anche dalla Francia arriva un forte segnale sull'atteggiamento che una importantissima amministrazione - come quella di Emmanuel Macron - ha sulla prosecuzione della 'vita' dei motori termici, in quanto inseriti in sistemi ibridi e ibridi plug-in.
    Il presidente francese ha infatti annunciato un corposo piano da 30 miliardi di euro di investimenti per modernizzare l'economia del Paese, con un focus particolare sull'industria automobilistica e su quella aerospaziale, quella alimentare e quella farmaceutica.
    Nel presentare il piano 'France 2030' a Parigi Macron ha affermato di voler dare all'economia francese l'opportunità di crescere di più attraverso l'innovazione, fornendo nei prossimi cinque anni i 30 miliardi di investimenti alle aree chiave tra cui appunto l'automotive.
    E per non lasciare dubbi sull'atteggiamento del Governo nei confronti delle scelte tecniche - peraltro già confermate da Luca de Meo che guida il Gruppo Renault, controllato dallo Stato - Macron ha detto che entro il 2030 la Francia dovrebbe raggiungere una capacità produttiva di 2 milioni di auto 'green' tra elettriche e ibride. Il piano France 2030 prevede anche investimenti nell'energia nucleare ma attraverso lo sviluppo di reattori nucleari più piccoli e un impegno specifico per fare del Paese il leader nel campo dell'idrogeno verde. 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie