Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Daihatsu riprende parte della produzione dopo scandalo test

Daihatsu riprende parte della produzione dopo scandalo test

A un mese e mezzo dalle rivelazioni su manomissioni

TOKYO, 12 febbraio 2024, 11:59

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

La Daihatsu ha riavviato parte della sua produzione di veicoli a distanza di oltre un mese e mezzo dalla sospensione di tutte le operazioni nelle sue fabbriche in Giappone, decisa all'indomani dello scandalo sulle manomissioni dei test di sicurezza. La casa auto specializzata nelle vetture di piccole dimensioni, controllata da Toyota, ha ripreso a produrre due modelli presso l'impianto situato nella prefettura di Kyoto dopo aver ottenuto l'approvazione dal ministero dei Trasporti nipponico. Si tratta del furgone commerciale Probox - che Daihatsu produce per Toyota, e il Familia Van per Mazda, mentre il 26 febbraio riavvierà la produzione di altri 10 modelli, a fronte del via libera dei regolatori sulle rispetto delle normative di sicurezza ottenuto la scorsa settimana. In dicembre Daihatsu aveva ammesso di aver falsificato i dati nei test di sicurezza per la maggior parte dei suoi modelli, a partire dal 1989, portando all'interruzione di tutte le spedizioni in patria e all'estero e lo stop delle attività nelle catene di montaggio domestiche.
    Daihatsu ha anche ripreso le spedizioni in Malesia e Indonesia dopo aver ottenuto l'approvazione dalle autorità locali nei due Paesi del Sudest asiatico.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza