Volvo costruirà in Slovacchia fabbrica per veicoli elettrici

A Kosice terzo impianto europeo brand, costo 1,2 miliardi euro

Redazione ANSA ROMA

Gli svedesi della Volvo costruiranno in Repubblica Ceca un nuovo impianto per l'esclusiva produzione di veicoli elettrici. Per la realizzazione della fabbrica, che sorgerà a Kosice, è stato previsto un investimento di 1,2 miliardi di euro, di cui il 20% sostenuto dallo stato locale. Si tratta di un passo fondamentale per raggiungere il target della neutralità di CO2 prodotta entro il 2040, diventando dal 2030 costruttore di vetture solo elettriche.
La posa della prima pietra della struttura è prevista per il 2023, l'installazione delle linee di produzione al momento è programmata per il 2024. L'impianto dal 2025 dovrebbe raggiungere la produzione a livello zero di CO2 emessa. Per il 2026, invece, vi è già stato programmato l'avvio della costruzione delle Volvo elettriche di nuova generazione.
A regime, la fabbrica sarà in grado di produrre sino a 250.000 vetture l'anno. Per la Repubblica Ceca, cresciuta negli anni per importanza nel mondo automotive, si tratta della quinta fabbrica di vetture del Paese.
Quello di Kosice sarà il terzo impianto europeo di Volvo e si affiancherà a quello svedese di Göteborg, sede del quartier generale del marchio, e all'altrettanto storico belga di Gand.
La struttura occuperà alcune migliaia di dipendenti ed è stata progettata con attenzione a possibili espansioni future. La località è ben servita dai fornitori automobilistici e ben collegata al resto d'Europa.
"Il nostro focus è diventare un marchio di pura mobilità elettrica entro il 2030, che è in linea con i nostri scopi", ha affermato Jim Rowan, amministratore delegato di Volvo Cars.
"L'espansione in Europa, la nostra più grande area di vendita, è fondamentale per il nostro passaggio all'elettrificazione e alla crescita continua. Sono molto lieto di espandere la nostra impronta produttiva in Slovacchia e non vedo l'ora di accogliere nuovi colleghi e partner nel viaggio che ci aspetta". Javier Varela, chief operating officer di Volvo Cars ha aggiunto: "Sarà un luogo di lavoro moderno, in uno stabilimento all'avanguardia che punta sulla sostenibilità e sulla sicurezza".
Il brand di Göteborg, passato nel 2010 al gruppo cinese Geely, nel complesso oggi occupa 41.000 addetti e lo scorso anno ha costruito 698.700 veicoli. Oltre che in Europa, la casa automobilistica scandinava dispone di fabbriche negli Stati Uniti (in South Carolina) e in Cina (Chengdu, Daqing e Taizhou).

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie