Renault si allea con Veolia e Solvay per riciclare batterie

Nuovo consorzio punta al recupero di cobalto, nickel e litio

Redazione ANSA ROMA

Renault, di nuovo protagonista dell'industria automotive europea sotto la gestione di Luce de Meo, incrementa l' impegno ambientale unendosi a Veolia e Solvay per la creazione di un ecosistema circolare dei metalli derivanti dalle batterie elettriche.
    Il consorzio estetente tra Veolia e Solvay, creato nel settembre 2020, viene ora rafforzato dall'impegno pionieristico e dall'esperienza del Gruppo Renault a livello di economia circolare e ciclo di vita delle batterie dei veicoli elettrici.
    Grazie alle competenze di Solvay nell'estrazione chimica dei metalli delle batterie e al know-how acquisito in un decennio da Veolia nello smantellamento e riciclo delle batterie agli ioni di litio mediante procedimenti idrometallurgici, questa partnership punta a fare della complementarità un vantaggio strategico e una leva di competitività.
    "Il Gruppo Renault ha un approccio globale al ciclo di vita delle batterie - ha dichiarato Luca de Meo, Ceo di Renault - che prevede la riparazione, per prolungare la loro durata nel settore automotive e, passando per lo sviluppo di applicazioni di seconda vita per lo stoccaggio dell'energia, arriva fino alla realizzazione di un sistema di raccolta e riciclo delle batterie. Oggi, siamo orgogliosi di incrementare ulteriormente il nostro impegno ambientale unendoci a Veolia e Solvay. In un contesto di crescente mobilità elettrica, il nostro obiettivo è adottare soluzioni di riciclo innovative e a basse emissioni di carbonio, per aprire la strada ad un approvvigionamento sostenibile di materiali strategici per le batterie. Insieme potremo trarre vantaggio dalla nostra presenza in tutto l'ecosistema elettrico in Europa per acquisire una posizione forte sul mercato strategico dei materiali delle batterie e creare valore al di là del settore automotive".
    Un accesso stabile e responsabile ai metalli delle batterie costituisce una sfida cruciale, considerato che il numero dei veicoli elettrici in circolazione dovrebbe passare da 10 milioni nel 2020 a oltre 100 milioni entro il 2030 nel mondo.
    In questo contesto, l'obiettivo ambizioso dei tre partner è di costituire una fonte di approvvigionamento sicura e sostenibile di metalli strategici per le batterie, come il cobalto, il nickel e il litio. Per raggiungere tale obiettivo, queste aziende intendono far leva sulle rispettive competenze in ogni singola fase della catena del valore - dalla raccolta delle batterie a fine vita passando per lo smantellamento e, successivamente, l'estrazione e la purificazione dei metalli - migliorando i processi meccanici ed idrometallurgici esistenti per il riciclo delle batterie. Grazie all'associazione di tecnologie all'avanguardia sviluppate da Solvay e Veolia, i metalli strategici saranno estratti, purificati e trasformati in materiali ad alta purezza pronti per essere riutilizzati per la produzione di nuove batterie. Se un tempo erano recuperati in una forma esclusivamente destinata alle applicazioni metallurgiche, questo nuovo procedimento a circuito chiuso contribuirà alla riduzione dell'impronta ambientale delle future batterie dei veicoli elettrici.
    "Di fronte alla portata delle sfide ambientali a cui il mondo è confrontato - ha detto Antoine Frérot, Ceo di Veolia - la trasformazione ecologica è un'emergenza. Con il Gruppo Renault che si è unito a Veolia e Solvay, compiamo tutti insieme un ulteriore passo avanti verso soluzioni a circuito chiuso per preservare le risorse naturali. Ciò dimostra come le aziende che lavorano insieme possono immaginare e adottare nuove soluzioni in grado di migliorare il nostro ambiente e rinnovare le economie".
    I tre partner sono già attivamente impegnati in una fase sperimentale che comporta la realizzazione di uno stabilimento pilota in Francia, su scala preindustriale, in grado di estrarre e purificare i metalli contenuti nelle batterie a fine vita.
    "Questo consorzio costituisce un bell'esempio di partnership a livello di catena del valore che consente di creare un'economia circolare per i metalli delle batterie - ha ribadito Ilham Kadri, Ceo del Gruppo Solvay - Siamo molto contenti che il Gruppo Renault sia entrato nel consorzio come partner strategico per l'economia circolare. Il suo contributo di materie prime per il riciclo consente, infatti, di reintegrare i metalli purificati nel ciclo delle batterie". 
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie