Calendario Pirelli, protagonisti 2022 tutti musicisti

Fotografati da Bryan Adams anche Iggy Pop, Rita Ora e St.Vincent

Redazione ANSA MILANO

I protagonisti del Calendario Pirelli 2022 sono musicisti. Punto di riferimento per la fotografia internazionale e e arrivato alla sua quarantottesima edizione, dopo la sospensione dello scorso anno a causa della pandemia, il calendario ha quest'anno il tema 'On The Road' ed è dedicato alle storie messe su foto di numerosi musicisti, tutti immortalati da Bryan Adams, star della musica ma da anni anche impegnato e apprezzato fotografo. Nei mesi 2022 di Pirelli ci sono Cher, Iggy Pop, Jennifer Hudson e Rita Ora sono sono solo alcuni degli artisti ritratti per il progetto 'On the Road', per una carellata fotografica sulla vita dei musicisti in tour.
   

"On the road è la vita che faccio da 45 anni - ha dichiarato il cantautore e fotografo canadese - e il tour è davvero la mia vita". Nel cast 2022 compaiono anche la cantante americana Normani, la cantautrice statunitense di origini colombiane Kali Uchis, la cantautrice e produttrice Grimes, il rapper di origini cinesi Bohan Phoenix, la cantautrice e chitarrista St Vincent, la rapper Saweetie. Le star sono state fotografate in due diverse location di Los Angeles, oltre a La Scalinatella Hotel di Capri. Anche se icone della musica avevano già posato per i precedenti Calendari Pirelli (tra cui Bono, Jennifer Lopez, Sean "Diddy" Combs, Yoko Ono e Patti Smith), questa è la prima volta in cui la musica rappresenta l'unico tema del calendario.
    The Cal, come viene chiamato il Calendario Pirelli, pubblicato per la prima volta nel 1964, fu sospeso nel 1967, poi di nuovo dal 1975 al 1983 a seguito di misure di austerità.
    Dalla sua nascita, alcuni dei maggiori fotografi del mondo sono stati ingaggiati per scattare le fotografie di The Cal. Quello di Adams, che è il primo canadese ad occuparsi del Calendario, si unisce a nomi come Norman Parkinson, Terence Donovan, Helmut Newton, Herb Ritts, Richard Avedon, Annie Leibovitz, Bruce Weber e Paolo Roversi, autore del precedente Calendario del 2020.
  
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie