Università Firenze celebra 100 anni fisica moderna a Arcetri

Grande storia, anche Fermi. E vicino c'è dimora di Galileo

Redazione ANSA FIRENZE

(ANSA) - FIRENZE, 03 NOV - Da Enrico Fermi alla fisica di oggi. L'Università di Firenze celebra il centenario della sede storica dell'Istituto di Fisica, inaugurata ad Arcetri nel novembre del 1921 nell'ambito del Regio Istituto di Studi Superiori Pratici e di Perfezionamento, l'antenato dell'Ateneo fiorentino. Gli studi fisici vennero trasferiti dal centro storico al colle dove già si trovava l'Osservatorio astronomico - non lontano da Villa Il Gioiello, ultima dimora di Galileo - per volontà di Antonio Garbasso, studioso di rilievo e in seguito sindaco di Firenze.
    L'Istituto poteva contare su un gruppo di ricercatori molto brillanti, tra i quali Enrico Fermi, Franco Rasetti, Bruno Rossi, Gilberto Bernardini, Giuseppe Occhialini, Giulio Racah e Daria Bocciarelli che, insieme al gruppo romano di via Panisperna, portarono la fisica italiana a competere a livello internazionale nel campo della fisica nucleare e dei raggi cosmici. Nel 1924, tre anni dopo l'inaugurazione dell'edificio - chiamato ancora oggi Garbasso -, nasceva, in contemporanea con l'istituzione dell'Università di Firenze, il Corso di laurea in Fisica. Per ricordare questa storia illustre e presentare i suoi frutti attuali, venerdì 5 novembre si tiene il convegno "I primi cento anni di Fisica al Garbasso" (ore 9) con un ricco programma coordinato dal professor Paolo Blasi. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA