Stragi naziste: morto Enrico Pieri superstite a S.Anna

Per tutta la vita ha testimoniato eccidio nazista del 1944

Redazione ANSA SANT'ANNA STAZZEMA (LUCCA)

(ANSA) - SANT'ANNA STAZZEMA (LUCCA), 10 DIC - E' morto, dopo una malattia, Enrico Pieri superstite dell'eccidio nazifascista di Sant'Anna di Stazzema (Lucca) del 12 agosto 1944, era nato il 19 aprile 1934. Era presidente dell'Associazione Martiri Sant'Anna Stazzema, ha dedicato tutta la vita a far conoscere la strage ed ha perfino donato all'associazione la sua casa d'infanzia, la stessa in cui fu sterminata la sua famiglia (i genitori, due sorelle, nonni, zii, cugini), luogo dove favorire incontri e dare spazio alle delegazioni di studenti e ricercatori che si recano a Sant'Anna per informarsi e approfondire la conoscenza storica di quegli eventi.
    Enrico Pieri aveva 10 anni quando riuscì a salvarsi dallo sterminio. Era commendatore dell'ordine al merito della Repubblica Italiana conferito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella. La Repubblica Federale Tedesca lo ha insignito del cavalierato insieme ad Ennio Mancini altro superstite della strage. La sua vita lo ha visto impegnato in prima linea anche nelle scuole, per divulgare quanto accaduto a Sant'Anna il 12 agosto 1944 ed anche se le sue condizioni di salute erano ormai precarie fino all'ultimo ha voluto essere in prima linea e farsi testimone di quella barbarie a cui era sopravvissuto. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA